Come ogni lunedì vediamo insieme le notizie più importanti della settimana appena trascorsa riguardanti Social Media Marketing e Digital Marketing. Questa settimana importanti presentazioni sia di Facebook che di Google.

Google entra di peso nel settore hardware

Dopo anni di tentennamenti, aziende comprate e subito vendute (vedi alla voce Motorola), di telefoni progettati e fatti costruire da aziende terze (vedi alla voce Nexus), Google ha fatto finalmente l’ultimo passo, presentando due smartphone che verranno venduti direttamente sotto il proprio marchio e denominati Pixel. Si rivolgono alla fascia alta del mercato, andando a sfidare direttamente gli iPhone di Apple.

La novità è l’integrazione verticale completa fra servizi online (tutti i prodotti Google, dalla mail al calendario), la novità dell’integrazione totale con la AI (che sarà esclusiva per questi telefoni) e un hardware progettato ed assemblato direttamente, che riduce a zero i problemi di adattamento che nascono con gli altri device Android venduti da parti terze.

Oltre ai telefoni, Google ha presentato anche un visore per la realtà virtuale (entrando in piena competizione con gli Oculus di Facebook) e un assistente vocale casalinga (Google Home) che si scontrerà contro Amazon Echo. Guerra Totale quindi.

Facebook introduce Marketplace e nuove funzioni su Messenger

In settimana Facebook ha reso disponibile una nuova funzione, per il momento limitata ad USA, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda: Marketplace punta a sostituire i gruppi di scambio e vendita di oggetti tanto popolari sul social network e indirizzarli invece in un luogo unico. Ogni utente ha la possibilità di mettere in vendita i propri oggetti, che saranno visibili agli altri utenti di Facebook nelle vicinanze.

Sarà poi compito dei due privati mettersi d’accordo sul prezzo e le modalità dello scambio, con il social network che non entrerà nella vendita. Nelle prime ore di funzionamento il filtro che impedisce di vendere prodotti illegali non ha però funzionato molto, e sul nuovo store c’erano cose, diciamo, poco consone: Le cose si sono poi normalizzate!

weekly marketing recap 10 ott 1

weekly marketing recap 10 ottobre 2

Facebook però non è rimasto fermo neanche sul fronte Messenger: è stato infatti implementato il servizio di crittografia end-to-end anche per le chat Facebook, anche se per ora è disponibile solo se selezioniamo la relativa opzione al momento di avviare una conversazione e solo se anche l’altra persona dispone dell’ultima versione di Messenger. Inoltre la conversazione sarà disponibile solo sul device dal quale è partita. Una feature che sembra dedicata ad uno scopo ben preciso.

Inoltre Facebook sta testando una nuova opzione “Messenger Day”, ripresa da Snapchat, per mandare foto modificate con testo e stickers che si autodistruggono dopo 24 ore.

Oculus e Facebook presentano la realtà virtuale per tutti

Nel corso della presentazione di Oculus dello scorso 6 ottobre sono state presentate varie novità, in coordinazione ovviamente con il proprietario di Oculus, Facebook. Facebook infatti introduce dei nuovi avatar in VR con i quali si potrà interagire con i propri amici del social network nella realtà virtuale e in questo modo fare anche dei giochi insieme.

weekly marketing recap 10 ott vr

Tipo giocare a scacchi o a carte…che emozione.

Dalla realtà virtuale si potrà anche chiamare ed interagire direttamente con le persone nella “realtà reale”.

weekly marketing recap 10 ott vr2

Tipo farsi un selfie mentre si è al lavoro con la moglie chiamata su messenger e cane che si intromette da casa propria. Bella vita.

Sono stati inoltre rilasciati i nuovi controller per interagire nella realtà virtuale, nuove cuffie, nuovi rilevatori di spazio (tutti venduti separatamente) e in generale si è puntato sul far vedere quanto la VR sia ormai una tecnologia matura e pronta per diventare “di massa”. Credici Zuchy, credici.

Ed ora qualcosa di utile… Le Analytics Cross-Platform di Facebook

Facebook nel frattempo rilascia anche nuove funzioni per le Analytics for Apps, con la possibilità di verificare il traffico dalle diverse piattaforme, e misurare come l’utente si relaziona da mobile e desktop. Inoltre rilascia anche un nuovo strumento di misurazione, le “Sharing Insights“, in grado di misurare quanto e da chi il singolo contenuto viene condiviso e potendo poi ri-targetizzare in nuovi ads quell’audience specifico. Maggiori info qui.

Gli articoli da leggere della settimana

Come ogni settimana terminiamo il nostro Recap con gli articoli di cui consigliamo la lettura per intero:

Il Tagliaerbe non le manda a dire sullo stato del SEO e del web marketing italiano

Avete mai notato le differenze di numeri fra click su Facebook e dati dagli Analytics di Google? Ecco possibili spiegazioni.

Come funziona l’ultimo aggiornamento all’algoritmo di Google: Penguin

Anche per questa settimana abbiamo terminato, se credete che ci sia sfuggito qualcosa come al solito segnatecelo nei commenti!

E per restare sempre aggiornati inscrivetevi alla newsletter di Leevia, non è in VR, promesso!

Iscriviti alla Newsletter ▸