Snapchat cresce lentamente e sembra avviarsi verso un destino simile a Twitter, Instagram rilascia una feature che tutti chiedevano a gran voce da anni

 

Novità e notizie dalla settimana appena conclusa, per non perdersi nessuna news relativa al Social Media Marketing o al Digital Marketing. Iniziamo andando a vedere come sta andando Snapchat, alla prima trimestrale pubblica.

Snapchat cresce lentamente e non genera guadagni

Snap. Inc ha rilasciato la prima trimestrale pubblica da quando si è quotata in borsa, alla fine dell’anno scorso. Purtroppo però i risultati sono stati inferiori alle attese degli analisti. Infatti l’azienda ha riportato di aver avuto ricavi nel trimestre per “soli” 150 milioni di dollari, a fronte di un aspettativa di almeno 158 milioni. Inoltre sono state inserite a bilancio perdite per 2 miliardi di dollari, dovute principalmente ai rimborsi dovuti ai finanziatori dopo l’entrata in borsa.

weekly marketing recap 15 maggio snap

Inoltre, altra notevole fonte di preoccupazione per gli investitori, è che la base di utenza di Snapchat cresce troppo lentamente:

weekly marketing recap 15 maggio snap2

Sebbene in leggera accelerazione, la crescita sembra non avere quella spinta che invece è da sempre tipica del Social direttamente concorrente: Instagram, che sta considerevolmente erodendo l’immagine di piattaforma giovane e cool al social network giallo, grazie alle nuove funzionalità implementate “rubate”.

…Nel frattempo lancia nuove funzioni

Nel frattempo comunque, in settimana, Snapchat aveva già lanciato delle nuove funzioni, tese a cercare di rendere la propria piattaforma più user friendly, soprattutto per i  nuovi utenti.

La feature più interessante è che ora gli Snap possono essere senza limiti temporali. Una delle funzioni più famose di Snapchat è infatti il fatto che gli Snap, una vota aperti, si autodistruggono entro un tempo indicato dal mandante (da 1 a 10 secondi), ma con la nuova opzione si potrà scegliere di mandare uno Snap che si “autodistruggerà” solamente quando il ricevente sarà uscito dal messaggio, ma che, mentre lo sta guardando, non avrà limite di tempo.

weekly marketing recap 15 maggio snap3

Inoltre sono state presentate nuove funzioni per creare Snap: si possono ora creare e mandare video in loop (un po’ come Boomerang di Instagram), e si possono ritoccare le immagini, facendo scomparire un oggetto o potendo inserire emoji tramite un semplice pennello (e quindi si può in sostanza “disegnare” con gli emoji).

weekly marketing recap 15 maggio snap4

Instagram permette di postare anche da web!

Una delle funzioni da sempre più richieste di Instagram è finalmente arrivata (anche se non è esattamente come ve la aspettate). Il social network infatti sta rilasciando la possibilità di postare foto anche dal web, ma solo dalla versione mobile dei browser, quindi sempre da telefono o al limite da tablet. Come sempre la funzione è in roll out mondiale e potreste ancora non averla ricevuta. Pazientate.

Al momento non è possibile comunque caricare foto dai browser desktop, a meno che non si utilizzino le opzioni per sviluppatori web che permettono di emulare il comportamento del browser per dispositivi mobili. Attenzione però, se Instagram si accorge che state imbrogliando potrebbe sospendervi o cancellarvi l’account!

Facebook aggiunge una nuova reaction

Sembra proprio che le reaction abbiano preso piede su Facebook: dopo essere state testate a lungo l’anno scorso, sono diventate ufficialmente il modo con cui esprimere il proprio stato d’animo sui post dei propri amici.

Il successo ha spinto il social network ad inserirle pochi giorni fa anche come modalità di interazione per i commenti (che erano rimasti confinati al like semplice) e prima ancora c’era stata l’aggiunta su Messenger. Ora Facebook aggiunge una nuova reaction, pensata per la Festa della Mamma: un fiore per esprimere gratitudine! La possibilità è che la reaction, come già l’anno scorso, sia solo temporanea e che scompaia già oggi. 

Facebook testa un QR code per i negozi

Uno degli aspetti su cui Facebook si sta concentrando maggiormente è quello di riuscire a dare risultati quanto più possibile precisi sulla capacità del social network di incrementare le vendite di negozi “fisici”.

Ha quindi ha già iniziato in passato a lavorare in partnership con altri soggetti, come Square, per cercare di “chiudere il loop” e quindi poter dare ai negozianti quante più certezze possibili sulla capacità del social di attirare consumatori nei negozi. Facebook sta testando in particolare dei QR code che danno diritto a sconti nei negozi fisici: dei “reward” che sono gli stessi negozianti a gestire.

weekly marketing recap 15 maggio fb2

L’utente trova il QR Code nella lista dei tab accessibile dall’app di Facebook e può quindi presentarsi al negoziante per ottenere lo sconto.

Articoli da leggere

Ma, alla fine, per un brand è meglio puntare a creare e a insistere sulle Instagram Stories o invece è più conveniente affidarsi alle Snapchat Stories? Su WebInFermento un’analisi con dati e grafici.

Come usare BENE Google Analytics per tracciare le visite proveniente dai Social. Un lungo articolo ed un podcast da Social Media Examiner

Gli ads su Facebook possono impattare sulla SEO? Una bella domanda, che Francesco Margherita ha girato a Michael Vittori.

Restare aggiornati nel campo del digital marketing non è sempre facile, per questo talvolta è meglio fermarsi un secondo e verificare i trend futuri. WebHouse l’ha fatto per voi.

Se siete degli “spammatori” professionisti su Facebook forse è il momento di cambiare attività.

Dall’idea alla creazione del post perfetto c’è un po’ di lavoro in mezzo da fare.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!