Facebook inserisce gli ADS nei video, Google dichiara guerra ai pop-up, Instagram aggiunge nuove funzioni, Yahoo! chiude per sempre e diventa Altaba

 

Le ultime news dal mondo del Social Media Marketing e del Digital Marketing, come ogni lunedì, selezionate per voi. Questa settimana in particolare vediamo le novità importanti per le pagine di Facebook, le novità da Google sulla ricerca e le manovre societarie di Yahoo!.

Live Video di Facebook anche da desktop, pubblicità e sottotitoli automatici

Dopo molte indiscrezioni al riguardo, Facebook ha ufficialmente inaugurato il supporto per poter realizzare anche da desktop i Live Video, che finora erano possibili  solo dall’app per smartphone o attraverso l’uso delle API e software di terze parti, con un sistema quindi piuttosto complicato e non accessibile immediatamente da chiunque. La feature si sta implementando gradualmente su tutte le Pagine ma non sarà disponibile per i profili privati. Inoltre, per facilitare la possibilità per le pagine di fare video in diretta, Facebook ha aggiunto anche la possibilità di aggiungere degli editor temporanei che possono andare in live stream in nome della pagina. Una funzionalità pensata in particolar modo per i giornalisti, che avranno quindi la facoltà di andare Live direttamente dagli eventi che stanno seguendo per la propria testata.

La seconda funzione molto utile per i publisher è il riconoscimento dei dialoghi all’interno dei video e la creazione automatizzata dei sottotitoli. Tutti sappiamo che la gran parte dei video su Facebook viene riprodotta senza audio e per questo ormai tutti si sono attrezzati per creare sovra-impressioni o video sottotitolati. Questa nuova funzione potrebbe togliere molto lavoro aggiuntivo ai video per Facebook, ma la funziona per ora è disponibile solo per le pagine in paesi anglofoni.

Inoltre sarà disponibile presto anche la possibilità di inserire all’interno dei propri video degli ads, che interverranno nella visione dopo almeno 20 secondi. La nuova offerta è interessante perché potrebbe permettere un guadagno per i gestori delle Pagine, che avrebbero infatti il 55% dei ricavi della pubblicità.

Google contro i popup

Dal blog ufficiale dell’azienda di Mountain View giunge conferma della volontà di abbassare il ranking ai siti che propongono fastidiosi banner in popup all’entrata sulla pagina. In particolare la volontà è quella di dare vantaggio ai siti che più di altri pensano all’esperienza utente per il mobile, per cui i banner in pop up molto spesso impedisce la corretta visione della pagina e dell’informazione che si stava cercando.

weekly marketing recap 16 genn google

in questa immagine i popup che vengono considerati troppo invadenti

Instagram inserisce gli Insight per le storie e un nuovo formato adv

Il social network fotografico lavora per migliorare l’usabilità per i propri clienti business, introducendo le statistiche anche per le Storie (si potrà quindi valutare la reach di ogni Storia) e inserendo una nuova tipologia di ADV che permetterà di far vedere la pubblicità a tutto schermo alle persone che guardano le Storie.

Yahoo! diventa Altaba

Quando sarà terminato il processo di vendita a Verizon del core business di Yahoo!, che comprende mail, motore di ricerca, la parte informativa, Tumblr, la piattaforma di advertising online e anche tutti agli asset immobiliari del gruppo di Sunnyvale, la parte restante della società, che continuerà a detenere le quote del 35% di Yahoo! Japan e del 15% di Alibaba cambierà nome, diventando Altaba.

Inoltre la storica CEO dell’azienda, Marissa Mayer uscirà dal CDA. Niente di nuovo in verità, i servizi Yahoo! in pratica resteranno identici, con il passaggio sotto un nuovo “padrone”. È però la fine simbolica di una delle società pioniere del web, un colosso che solo nel 2008 aveva ricevuto un’offerta di acquisto da Microsoft di 45 miliardi di dollari. 

Snapchat finalmente aggiunge la Universal Search

Se la vostra domanda finora era sempre stata “ma come faccio a farmi trovare su Snapchat? Non c’è una ricerca!” Ora avrete una risposta chiara. Finalmente infatti Snapchat implementa una ricerca degna di questo nome e non servirà più inventarsi fantasiosi modi per come cambiare la propria foto profilo su altri social per farsi trovare! La ricerca funziona in questo modo:

Articoli da leggere della settimana

Fatevene una ragione, L’Intelligenza Artificiale è qui e sarà sempre più importante nelle nostre vite, anche nel settore del web marketing. Zenith ha stilato i 10 trend in cui l’AI sarà fondamentale per il digital marketing di domani.

Una utilissima nuova funzione di Facebook ci permette di verificare le conversioni offline (acquisti nei negozi, per esempio) dei nostri adv sul social network. Come? Ce lo spiega in questo articolo Michael Vittori

Come possiamo utilizzare i bias cognitivi per creare contenuti persuasivi e fare in modo che l’utente sia più facilmente portato a compiere un’azione? L’articolo dal blog My Social Web.

Mashable segnala 13 corsi online da seguire gratis o a costo molto basso per aumentare le vostre skill digitali. C’è veramente qualunque cosa, dateci un ‘occhiata!

Avere un sito lento non solo rende un cattivo servizio ai propri utenti, ma ti penalizza nel ranking di Google. Carlo Pandian in questo articolo indica come capire quanto è lento il sito e come porvi rimedio.

 


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla Newsletter ▸