Facebook e Twitter contro la Russia, nuove opzioni ads per Messenger, Instagram continua a crescere

 

La notizia della settimana è che i due più famosi social si siano finalmente resi conto di essere stati presi in giro per mesi da finti account russi, ma non sono le uniche notizie dal Social Media Marketig e dal Digital Marketing di questa settimana.

Facebook nei guai per le “fake news”

Facebook non sembra riuscire a scrollarsi di dosso la “fastidiosa” questione delle false notizie, con particolare riferimento a quelle che presumibilmente sono riuscite a far trionfare Trump alle ultime elezioni presidenziali. Infatti è notizia della settimana scorsa che Obama avrebbe avvertito direttamente il CEO di Facebook Zuckerberg sul rischio di interferenze russe attraverso il Social Network. A questo si aggiunge che è anche emerso che una società russa avrebbe comprato 3000 inserzioni sulla piattaforma durante le elezioni del 2016. I link degli spazi venduti sono stati consegnati dalla società al procuratore speciale per il Russiagate, Robert Mueller. Queste ultime notizie non hanno aiutato la società, che ha vissuto qualche giorno piuttosto negativo in borsa, arrivando a perdere lunedì scorso il 4,5% del suo valore.

weekly marketing recap 2 ottobre fb1

Facebook inserisce il nuovo obiettivo Messenger per gli ADS

Non si fermano le novità per gli inserzionisti sulla piattaforma: Facebook punta ad integrare tutti i suoi servizi in modo che chi compra gli ads possa ottimizzare l’investimento quanto più possibile. In questa ottica ecco anche l’obiettivo “Messenger” all’interno degli ADS. 

weekly marketing recap 2 ottobre fb2

Nella pratica si potrà sponsorizzare un offerta sul Social Network e inserire come azione la possibilità di contattare via Messenger direttamente il venditore. Messenger si apre con il testo dell’offerta ricopiato nel messaggio “di benvenuto” del venditore.

Come vi avevamo già anticipato, è iniziato anche il roll out (solo negli USA per ora) della vendita e dell’acquisto diretto dei prodotti attraverso Messenger.

weekly marketing recap 2 ottobre fb3

Instagram continua a crescere e aggiunge nuove funzionalità per la moderazione dei commenti

Instagram ha ufficializzato in settimana di aver passato gli 800 milioni di utenti attivi al mese e i 500 milioni di utenti attivi al giorno, il che significa, rispetto all’ultimo dato conosciuto di Aprile, una crescita di 25 milioni di utenti al mese.

Ma Instagram non ha intenzione di fermare la propria corsa e ha già messo in campo delle nuove funzioni, indirizzate soprattuto agli influencer, che permettono di decidere a priori chi potrà commentare i post:

weekly marketing recap 2 ottobre insta1

Si potrà quindi decidere di limitare la possibilità di commentare i propri post a “persone che segui e che ti seguono” “persone che segui” e “persone che ti seguono”. Senz’altro una possibilità interessante per contrastare i commenti dei BOT.

Twitter allunga i tweet e intanto scopre 200 fake account russi

È partita la controversa sperimentazione di Twitter volta a verificare la reazione degli utenti alla possibilità di utilizzare 280 caratteri (al posto degli odierni 140). Da tempo si mormorava di questa eventualità e pare che ora la questione più di “se” sia di “quando”. Nel frattempo Jack Dorsey ovviamente ha già la funzione attivata:

weekly marketing recap 2 ottobre tw1

Intanto in settimana, a proposito di Russia e fake news, anche Twitter si è resa conto di avere sulla sua piattaforma più di 200 account russi che diffondevano notizie false. Gli account sono stati chiusi.

Facebook e Microsoft hanno finito il “mega cavo”

Dopo due anni di lavori, il nuovo cavo che attraversa l’oceano Atlantico e che collega gli USA all’Europa é finito ed entrerà in piena operatività ad inizio 2018. I cavi “internet” sottomarini non sono una novità, anzi è il metodo con cui i dati passano attraverso USA ed Europa da sempre, tuttavia questo è senz’altro il cavo a più alta capacità mai costruito e può di fatto trasportare 71 milioni di video HD contemporaneamente, ovvero 160 terabits al secondo.

weekly marketing recap 2 ottobre ms1

Con la sempre maggior “fame” di dati che contraddistingue l’utente medio, i grandi colossi si stanno attrezzando per soddisfare le esigenze cloud e iniziano quindi a posare cavi che non sono in comproprietà fra più società ma sono invece a uso esclusivo. Anche Google ha investito su due cavi che vanno dagli USA verso Giappone ed America del sud.

L’Unione Europea stringe i tempi per varare la “web-tax”

Sembrava un accordo complicato da trovare, ma l’UE sembra aver raggiunto un accordo per andare a “battere cassa” dai colossi statunitensi quali Google, Apple, Amazon e Facebook, che operano all’interno del mercato comune prendendo sede fiscale nel Paese con la tassazione più bassa (l’Irlanda, solitamente) pagando pochissime tasse negli stati dove invece generano la maggior parte dei ricavi. La modalità è ancora in fase di discussione ma nel frattempo Italia, Francia, Germania e Spagna hanno già dichiarato che in ogni caso procederanno su un fronte comune.

Articoli da leggere

Ma si può veramente arginare il “potere” di queste aziende attraverso regolamentazioni e nuove leggi? Secondo David Randall sì, e fra 10 anni quest’epoca di “far west” ci sembrerà come un tempo remoto, prodotto dall’intermezzo fra vecchia e nuova era tecnologica.

Ne abbiamo discusso più volte: Facebook non attira più i giovani utenti, che preferiscono altri social network. Cosa cambia per te, che stai impostando la tua strategia di marketing su questa piattaforma? Un articolo di NinjaMarketing.

Su WebInFermento un bell’articolo su come probabilmente si strutturerà il marketing attraverso WhatsApp, ora che sembra certo che la piattaforma punta a coinvolgere le aziende nella propria strategia di crescita.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!


Summary
Weekly Marketing Recap del 2 ottobre: Facebook e Twitter scoprono account russi fasulli
Article Name
Weekly Marketing Recap del 2 ottobre: Facebook e Twitter scoprono account russi fasulli
Description
Weekly Marketing Recap del 2 ottobre: Facebook consegna 3000 ads comprati dai russi al procuratore, nel frattempo anche Twitter scopre 200 account fake, Instagram continua a crescere a ritmo vertiginoso...
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo