Facebook pianifica di integrare tutte le sue piattaforme di messaggistica, Instagram sta rilasciando la possibilità di condividere le Stories su altri social e LinkedIn lavora al pubblico Lookalike. Questo e molto altro nella nostra Weekly Marketing Recap del 01 febbraio

 

Weekly Marketing Recap del 01 febbraio: tutte le news della settimana in campo social e digital. Diverse le novità in casa Facebook, Instagram, LinkedIn, Google Plus e perfino TikTok. Vediamole insieme!

 

Facebook vorrebbe integrare le sue piattaforme di instant messaging

Secondo un articolo uscito sul New York Times, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg vorrebbe riunire tutti i servizi di instant messanging di sua proprietà, quindi Facebook Messenger, Instagram Direct e WhatsApp. L’obiettivo sarebbe quello di migliorare la crittografia e la sicurezza su tutte le piattaforme, ma in realtà potrebbe esserci molto più di questo.

In pratica, le app resterebbero tra loro autonome ma il piano sarebbe quello di unificare l’infrastruttura di messaggistica in modo che gli utenti possano inviare un Instagram Direct da WhatsApp o un WhatsApp da Facebook Messenger. Per renderlo possibile, Facebook prevede di introdurre il prima possibile la crittografia end-to-end su Instagram Direct, mentre le altre due piattaforme godono già di questo tipo di sicurezza.

Un portavoce di Facebook ha confermato:

Stiamo lavorando sulla crittografia end-to-end per tutti i nostri prodotti di messaggistica istantanea e stiamo valutando nuovi metodi per raggiungere molto più semplicemente i propri familiari ed amici.

Ma vediamo quelli che potrebbero essere i reali vantaggi di un’integrazione delle piattaforme. Mentre Facebook richiede parecchie informazioni in fase di iscrizione, su Instagram è necessaria solo una mail (ed una password) e su WhatsApp solo il numero di telefono. Integrando tutte e tre le piattaforme, Facebook beneficerà immediatamente di tutte le informazioni personali condivise e questo significa migliori opportunità di targeting, maggior pertinenza e grandi opportunità pubblicitarie per gli inserzionisti.

 

Facebook aggiunge la Qualità della Pagina

Facebook sta implementando la gestione dei contenuti vietati dalla policy, ecco perché da qualche giorno è nata la Tab “Qualità della Pagina”. Questa sezione nasce per aiutare le persone che gestiscono le Pagine aziendali a farsi un’idea di quanto esse rispettino o meno le linee guida del social network.

Qualità pagina weekly marketing recap

In pratica, qui si visualizzeranno tutti quei contenuti che hanno violato gli standard comunitari così come tutti quei post classificati come fake news. Ad ogni modo, Facebook rivela che la Tab non sarà un riassunto completo di tutte le violazioni delle norme, infatti per il momento non verranno mostrati i contenuti rimossi per spam, clickbait o IP.

Oltre a quanto detto finora, Facebook sta aggiornando anche la sua Recidivism Policy, in modo da limitare il potere di creare Pagine, gruppi o account a tutti coloro che violano le norme del social network.

 

Facebook Moments si spegnerà il 25 febbraio

Lo sapevi che esiste un’app autonoma chiamata Facebook Moments? Introdotta a giugno 2015 come strumento per organizzare le proprie foto, non ha mai davvero sfondato. Ecco perché Facebook ha deciso di chiudere l’app.

Se sei tra i pochi utilizzatori, non preoccuparti, non stai per perdere tutte le fotografie che hai scattato. Già dal 24 gennaio, la versione web di Moments sta consentendo di salvare le proprie foto direttamente su PC e ci sarà tempo fino a maggio 2019, data in cui esse verranno definitivamente rimosse dai server Facebook.

Moments si aggiunge all’elenco delle app a sé stanti che Facebook ha lanciato e poi chiuso negli ultimi anni.

 

Instagram ti consentirà di condividere le Stories attraverso un link diretto

Instagram sta rilasciando una nuova funzionalità nelle Stories che aiuterà le persone a creare un maggior engagement. La funzione, già avvistata nelle scorse settimane, offre agli utenti l’opzione di condividere la propria storia sugli altri social network. In che modo? Semplicemente generando un link da riutilizzare per le condivisioni.

L’idea di fornire un collegamento alle Stories non è poi così nuova: Snapchat aveva implementato la funzionalità già lo scorso anno.

Questa nuova possibilità ci fa comprendere che Instagram sta puntando sempre di più sulle Stories. Dall’implementazione di strumenti come il countdown fino ad arrivare all’opportunità di promuovere le Stories organiche. È innegabile che Instagram stia diventando un canale sempre più centrale per le strategie di social media marketing.

 

LinkedIn sta lavorando sul pubblico Lookalike

Da Facebook passiamo ora a casa Microsoft con il suo LinkedIn, il social network professionale che di recente ha lanciato diversi interessanti aggiornamenti.

Le Carousel ADS, il targeting per interessi ed i Video sponsorizzati si aggiungono alle possibilità introdotte per migliorare l’esperienza degli inserzionisti, ma non è finita qui. Sembra che ora LinkedIn si stia concentrando sull’implementazione del pubblico lookalike, il quale potrebbe aiutare i marketers a rivolgersi a nuovi utenti in linea con i clienti esistenti dell’azienda.

Tuttavia, nonostante gli sforzi per migliorare la piattaforma delle ADS, la pubblicità su LinkedIn è ancora piuttosto costosa rispetto a Facebook ma offre sicuramente delle opportunità in più, specialmente in alcuni settori.

 

Google Plus chiude ufficialmente il 2 aprile

Mancano poco più di due mesi prima che Google Plus sparisca per sempre. Da che doveva essere chiuso ad agosto, il tutto è stato anticipato al 2 di aprile, data in cui tutti gli account e le Pagine aziendali cominceranno ad essere via a via cancellati.

I dati eliminati includono foto e video negli album personali e nelle pagine Google+. Ad ogni modo, dai vertici hanno dichiarato che il processo di eliminazione durerà alcuni mesi, durante i quali essi potrebbero rimanere online.

Dal 4 febbraio non sarà più possibile creare nuovi profili, pagine, comunità od eventi sulla piattaforma, mentre il 7 marzo verranno rimossi tutti i commenti effettuati tramite Google Plus sui diversi siti web.

 

TikTok sta testando gli annunci sulla propria app

TikTok, ovvero il nuovo Musical.ly, sta crescendo molto velocemente. A novembre 2018, un report di Variety ha contato che l’app ha avuto 80 milioni di download solo negli Stati Uniti e ad oggi conta circa 130 milioni di utenti attivi. Per questo motivo non è una piattaforma da sottovalutare, soprattutto perché molto in voga tra i giovanissimi.

Sembra che ora l’app stia testando gli annunci per gli inserzionisti, i quali sono stati individuati da alcuni utenti.

Ecco finalmente una grande opportunità per raggiungere il pubblico in età adolescenziale.

Articoli da leggere

  • A che punto è il Content marketing nel mondo? Lo spiega Contently in un suo interessante articolo dedicato allo State of Content marketing 2019;
  • Una guida a cura di Search Engine Journal dedicata al come fare SEO nel 2019.

 



Iscriviti alla nostra Newsletter:

Ti manderemo il nostro recap settimanale ogni lunedì

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.

Summary
Facebook pianifica di integrare le sue piattaforme di instant messaging
Article Name
Facebook pianifica di integrare le sue piattaforme di instant messaging
Description
Facebook pianifica di integrare tutte le sue piattaforme di messaggistica, mentre chiude Moments e sperimenta la Tab Qualità della Pagina; Instagram sta rilasciando la possibilità di condividere le Stories su altri social network attraverso link diretto; LinkedIn lavora sull'implementazione del pubblico Lookalike; Google Plus ufficializza la chiusura al 2 aprile e TikTok sperimenta i primi annunci pubblicitari sulla piattaforma. Scopri di più nostra Weekly Marketing Recap del 01 febbraio.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo