Facebook introduce la disattivazione della condivisione di posizione, Instagram “si trasforma in Pinterest” e Google introduce nuove funzionalità per le Display ADS. Questo e molto altro nella nostra Weekly Marketing Recap dell’1 marzo

 

Weekly Marketing Recap dell’01 marzo: tutte le news della settimana in campo social e digital. Diverse le novità in casa Facebook, Instagram, Google e Twitter. Vediamole insieme!

 

Facebook lavora all’opzione di disattivazione della localizzazione offline per gli utenti Android

Gli utenti Android “sono controllati” da Facebook relativamente alla propria geolocalizzazione, anche quando non utilizzano l’app. Questo perché il sistema operativo non ha un interruttore che consente di attivare la condivisione dei dati sulla posizione solo nel momento in cui l’app è in esecuzione. Su iOS, invece, gli utenti possono effettivamente decidere di condividere la posizione quando l’app è in esecuzione oppure disattivare completamente la funzionalità.

Ora Facebook sta introducendo un nuovo controllo della posizione in background dedicata proprio agli utenti Android, in modo che possano scegliere se lasciare a Facebook la possibilità di raccogliere informazioni sulla loro posizione anche quando non vi è alcun utilizzo dell’app.

location-settings_android weekly marketing recap

Ad oggi, gli utenti Android possono abilitare la Cronologia delle posizioni per utilizzare tale funzionalità, ma abilitando tale impostazione, in automatico scatta la geolocalizzazione anche quando non vi è alcun utilizzo dell’app, consentendo a Facebook di conservare una cronologia della loro esatta posizione. Con l’ultimo aggiornamento, gli utenti Android potranno finalmente avere possibilità di scelta proprio come tutti gli utilizzatori di iOS.

 

Instagram potrebbe presto introdurre le raccolte pubbliche (avvicinandosi al mood di Pinterest)

Nel 2017, Instagram ha introdotto la possibilità di salvare in board private i contenuti altrui semplicemente cliccando sull’icona del segnalibro sotto a qualunque post. Già con Collections, la piattaforma si è avvicinata al mood di Pinterest, permettendo agli utenti il salvataggio di altri contenuti creando delle raccolte tematiche. Ma se finora tali board erano private, sembra che Instagram stia lavorando ad un grande cambiamento.

Dopo aver analizzato il codice di Android, infatti, la reverse engineering Jane Manchun Wong ha scoperto che Instagram sta lavorando ad una funzionalità che permetterà di rendere pubbliche le raccolte. L’opzione si presenterà sotto forma di un interruttore per attivare o disattivare tale possibilità. Insomma, un chiaro attacco per spodestare Pinterest dal suo essere una piattaforma di ricerca visiva ed ispirazione.

Google lancia tre nuove funzionalità per le responsive display ADS

Gli annunci display responsive sono stati creati lo scorso anno ed ora Google ha annunciato nuove funzionalità che rafforzano sia l’esperienza che i risultati per gli inserzionisti, portando ulteriori innovazioni all’interno delle sue opzioni pubblicitarie. Nel dettaglio, in un post sul blog della scorsa settimana, Google ha annunciato l’aggiunta di risorse video per responsive display ADS, nuovi insights e l’introduzione di uno scorecard per verificare l’efficacia degli annunci.

Video per responsive display ADS

I display ADS responsive sono stati creati per aiutare gli inserzionisti ad adattarsi al mix sempre più diversificati di contenuti e dimensioni dello schermo, e proprio per questo, Google ha deciso di introdurre il formato video. Come annunciato dalla società:

Se un’immagine vale più di mille parole, immagina le storie che potresti raccontare con un video di 30 secondi.

In particolare, poiché il 60% dei clienti afferma che i video online sono ciò che li ispirano maggiormente negli acquisti, l’aggiunta delle risorse video potrebbe aiutare gli inserzionisti a migliorare i tassi di conversione.

Nuovi insights basati sul rapporto delle combinazioni

I nuovi insights permetteranno agli inserzionisti di comprendere in che modo si comportano le diverse combinazioni di risorse creative, mostrando loro ulteriori opzioni che potrebbero avere un miglior rendimento.

Tale report fornirà informazioni, in sezioni separate, in merito a tutte le combinazioni basate su immagini, testo, feed dinamici e video. Questo può aiutare gli inserzionisti a destinare gli annunci verso i clienti giusti, senza più affidarsi esclusivamente all’apprendimento automatico.

google introduce nuovi insight weekly marketing recapPunteggi per le ADS

Gli inserzionisti possono ora verificare l’efficacia delle ADS display prima ancora di pubblicarle. La scheda scorecard permetterà di testare la forza degli annunci controllando il titolo, le immagini e le descrizioni, fornendo dei suggerimenti per migliorarne il funzionamento.

 

Twitter introduce il bottone “sparkle” sull’app Lite, su Windows e su sito mobile

La funzione sparkle, la quale consente agli utenti di passare dai top tweet al feed cronologico, è stata introdotta in app già su iOS a dicembre 2018 e su Android a gennaio 2019. Da ora in poi, il pulsante sarà disponibile anche per gli utenti dell’app Lite, dell’app Twitter per Windows e della versione mobile del sito Twitter.

La funzione è completamente personalizzata, quindi in base agli interessi, Twitter memorizzerà le preferenze e selezionerà automaticamente la modalità preferita di visualizzazione, nonostante a volte si ricorra all’altra sequenza algoritmica.

 

Dieci anni di WhatsApp

Sembra ieri che WhatsApp entrava nelle nostre vite semplificando notevolmente la messaggistica istantanea. Era il 24 febbraio del 2009 quando l’app è stata lanciata su iPhone ed Android e nel dicembre dello stesso anno è stata introdotta la possibilità di condividere video e foto. Quindi, a febbraio 2011 arrivano le chat di gruppo, nell’ottobre dello stesso anno sono stati raggiunti il miliardo di messaggi inviati sulla piattaforma e nell’agosto 2013 sono arrivati anche i messaggi vocali. E ancora le funzioni Business, le Stories, le videochiamate e chi più ne ha più ne metta.

WhatsApp ha ringraziato i suoi utenti ripercorrendo i traguardi raggiunti, attraverso un video emozionale condiviso sul canale YouTube.

Che dire? Buon compleanno WhatsApp… Mille di questi anni!

 

Articoli da leggere

  • Un aiuto per il social media manager in crisi arriva da 100 Yetis, una web agency che ha creato un calendario molto ricco di occasioni per essere sempre sul pezzo e lavorare con il real time marketing;
  • Hai mai sentito parlare di Data Driven Marketing? In questo articolo di Studio Samo troverai tutto quello che devi sapere per un approggio strategico promozionale basato sull’analisi dei dati.

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Ti manderemo il nostro recap settimanale ogni lunedì

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy .

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’ Informativa privacy . Accetto i termini d'uso , incluso l'utilizzo dei cookie

Summary
Facebook lavora all'opzione di disattivazione per localizzazione offline degli utenti Android
Article Name
Facebook lavora all'opzione di disattivazione per localizzazione offline degli utenti Android
Description
Facebook introduce la disattivazione della condivisione di posizione quando gli utenti Android sono offline, Instagram "si trasforma in Pinterest" creando le raccolte pubbliche, Google introduce nuove funzionalità per le Display ADS, Twitter lancia il bottone sparkle anche su app Lite, app Windows e sito mobile e, infine, WhatsApp compie dieci anni. La nostra Weekly Marketing Recap dell'1 marzo.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo