Facebook rilascia il posizionamento Search ADS mentre Pinterest offre la possibilità di fare ADV da disposivi mobili. Weekly Marketing Recap del 2 agosto

 

Weekly Marketing Recap del 2 agosto: tutte le news della settimana in campo social e digital. Diverse le novità in casa Facebook, Instagram, Google e Pinterest. Vediamole insieme nel nostro riassunto degli ultimi sette giorni.

 

Il posizionamento Search ADS è ora disponbile su Facebook

Facebook ha allargato la possibilità ad un numero maggiore di inserzionisti di pubblicare annunci nei risultati di ricerca Facebook, un posizionamento sottoposto a test già dal 2018.

Il posizionamento Search ADS è stato inizialmente distribuito ad un numero selezionato di attività commerciali, solo per gli Stati Uniti, e a partire da dicembre. Ora sembra che sempre più aziende e liberi professionisti, anche al di fuori degli USA, stiano visualizzando la ricerca Facebook come opzione di posizionamento durante l’impostazione delle campagne pubblicitarie.

Ad oggi ancora non sappiamo molto sulle FB Search ADS, se non che si tratta di una nuova opzione di posizionamento per la creazione di campagne di news feed. Questo significa che le aziende non possono scegliere di far visualizzare gli annunci nella Ricerca Facebook senza inserirli anche nel feed principale di notizie.

Come tutte le altre tipologie di inserzioni, anche queste appariranno con il tag “Sponsorizzato” ed i formati disponibili sono immagine statica o carosello.

Se pensi che Facebook stia diventando sempre più simile a Google, però ti sbagli. Non è infatti possibile scegliere una targetizzazione per keyword secche e nemmeno per long tail, ma resteranno valide le impostazioni di targetizzazione tradizionali. Non resta ora che attendere che le Search ADS arrivino anche in Italia per saperne di più.

 

Instagram sta lavorando alla sezione “Stories su di te”

Nei due anni trascorsi dal lancio di Instagram Stories, la funzione è diventata incredibilmente popolare ed è normale che l’azienda sia sempre alla ricerca di nuove modalità per arricchire e migliorare l’esperienza degli utenti. Per questo motivo la piattaforma aggiunge periodicamente nuove funzionalità utili a mantenere alta l’attenzione degli iscritti, offrendo loro modi creativi di girare Instagram Stories o di creare relazioni durature tra di loro.

L’ultima feature individuata da Jane Manchun Wong è proprio relativa alla costruzione di nuove connessioni e si tratta di Stories su di te, la quale ha la funzione di mostrare agli utenti quando sono citati o taggati da altri Stories creator. La sezione risulta essere separata perché Instagram ci tiene a suddividere le notifiche Stories da quelle del feed, proprio per evitare di creare confusione tra gli iscritti.

Ad ogni modo questo non sarà un grosso cambiamento, ma potrebbe essere molto utile ad influencer ed aziende che hanno molte menzioni, ingestibili con il vecchio sistema. Inoltre, questa nuova feature potrebbe aiutare i vari brand ad ottere nuovi insights di engagement tra gli utenti.

Facebook ha più volte dichiarato il proprio desiderio che le Stories diventino il modo migliore per condividere momenti sulle piattaforme proprietarie, per questo ha perfettamente senso suddividere la sezione e fornire comunque un’esperienza altamente coinvolgente.

La funzione Stories su di te non è ancora stata confermata, ma supponiamo che ne sapremo di più nei prossimi mesi.

 

Arriva Mobile Ad Tool di Pinterest

Pinterest, che anche in Italia sta subendo una buona crescita, ha appena rilasciato per gli inserzionisti la possibilità di creare e modificare campagne con un nuovo tool ottimizzato per dispositivi mobili. Questo nuovo strumento per gli annunci offre la possibilità di creazione di promozioni semplificate, un po’ come il tasto Promuovi presente su Instagram.

Dal nuovo Mobile Ad Tool è possibile:

  • definire budget e targeting;
  • mettere in pausa un annuncio;
  • modificare l’URL di atterraggio ed il nome della campagna;
  • verificare metriche quali spesa pubblicitaria, tempo rimanente per la campagna, impression, clic e così via.

mobile ad tool pinterestIn un recente annuncio, la società ha affermato che:

Usando Mobile Ad Tool, le aziende possono consolidare la brand awareness e migliorare le proprie prestazioni raggiungendo nuovi clienti senza superare il budget. Aziende come FOUNT o Little Blue Olive stanno già cominciando a vedere i risultati dei primi test.

Tutti coloro che hanno un profilo Pinterest for Business possono iniziare a promuoversi da dispositivi mobili, ed i passaggi sono molto semplici. È infatti sufficiente:

  1. scegliere un Pin dal tuo profilo aziendale;
  2. impostare le opzioni di targeting automatizzate o personalizzate;
  3. impostare un budget giornaliero ed una durata;
  4. inserire i dati di fatturazione;
  5. pubblicare l’annuncio.

Questo è quanto. Qualsiasi azienda può quindi promuovere facilmente i propri pin da dispositivi mobili, il tutto rispettando pochi e semplici step.

 

Google Assistant (quasi) disponibile per dispositivi Android

Secondo le indiscrezioni in casa Google, il colosso di Mountain View sta sostituendo la classica ricerca vocale presente su dispositivi Android con Google Assistant.

L’opzione non è ancora disponibile per tutti gli utenti, ma le conseguenze di quando verrà rilasciata a livello globale potrebbero tradursi in una lieve diminuzione del traffico organico verso i siti web. A differenza della ricerca vocale, infatti, Google Assistant fornirà delle risposte dirette e l’utente non dovrà più fare clic su uno o l’altro sito web.

Certo è che Google Assistant non potrà fornire riscontro per tutte le query del mondo, ma comunque si tratta di una modifica che avrà un impatto sulla percentuale di ricerche condotte utilizzando la ricerca vocale Android.

 

Articoli da leggere

  • In un mondo oramai quasi saturo di contenuti web, emergere con la SEO copywriting puntando solo alle keyword secche è una missione quasi impossibile. Il futuro della ricerca sta però nelle long tail keyword, parole chiave a coda lunga più specifiche e con maggiori possibilità di conversione. Una guida completa a cura di Search Engine Magazine.
  • I BOT sono il futuro del customer care e non solo. I social network si stanno sempre più spostando sull’importanza delle relazioni one-to-one, soprattutto tra utenti e brand, e questo lo dimostra anche quanto emerso da Facebook F8: The future is private.
    Su Social Media Examiner una breve guida per aumentare l’engagement con i BOT Messenger ed un’ulteriore modalità, seppur non menzionata nell’articolo, è quella di lanciare contest BOT legali in Italia.

 



Iscriviti alla Newsletter ▸

 

Summary
Facebook rilascia il posizionamento Search ADS: Weekly Marketing Recap 2 agosto
Article Name
Facebook rilascia il posizionamento Search ADS: Weekly Marketing Recap 2 agosto
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo