A tu per tu con Eleonora Rocca: tra B2B, B2C, mondo Startup e Mashable Social media Day

 

Oggi abbiamo fatto una chiacchierata con Eleonora Rocca, una Marketing manager italiana trapiantata a Londra. Eleonora si occupa di Digital Marketing, sia in ambito B2B che B2C e, da qualche anno, organizza il Mashable Social Media Day, uno degli eventi di riferimento in Italia, ma lasciamo che sia lei a spiegarci la sua personalità e professionalità, in questa intervista.

Ciao Eleonora, raccontaci qualcosa del tuo percorso professionale.
Nonostante la tua laurea in giurisprudenza hai deciso di intraprendere una carriera nel mondo del Product e Channel Marketing prima e del Digital Marketing poi. Com’è avvenuto questo cambiamento di rotta e cosa ti ha portato dove sei ora?

«Ho avuto la fortuna di iniziare a lavorare a soli 20 anni (contestualmente ho portato avanti gli studi universitari) e questo mi ha permesso di mettermi alla prova sul campo e, di conseguenza, di capire presto (ancor prima della laurea) cosa mi piacesse davvero fare e quali fossero i miei talenti naturali.

Sono sempre stata molto brava a vendere e, lavorando, mi sono anche resa conto di essere una persona creativa, con forti doti di leadership e anche molto onesta. Tutte qualità che, a mio avviso, si sposano davvero poco con una carriera di tipo legale.

Una volta laureata, ho quindi lasciato Hewlett Packard (la prima azienda in cui ho lavorato per oltre 7 anni) e ho deciso di fare un Master Full Time in Marketing e Comunicazione presso la Business School del Sole 24 Ore. A seguito di quello sono poi arrivati i ruoli di Marketing in Roberto Cavalli e Privalia prima, e in Microsoft poi, dove ho lavorato come Product Marketing Manager sul prodotto Microsoft Office per oltre tre anni, prima di decidere di trasferirmi a Londra.

La passione per il Digitale arriva proprio mentre ero in Microsoft: da persona appassionata del proprio lavoro, ho capito già nel 2012 che il mondo del marketing si stava evolvendo e che dovevo aggiornarmi. Decido quindi di svolgere un Corso Serale in Evolution Marketing e Social Media presso lo IED di Milano, a seguito di quello ho aperto il mio blog The Brunette Cupcake  e da quello si è sviluppata la mia carriera nell’ambito del Marketing Digitale, che vede il suo culmine nella fondazione del Mashable Social Day Italia».

Abbiamo assistito al tuo intervento ad Inbound Strategies 2017. Vuoi raccontare anche ai nostri lettori quali sono gli elementi di una digital strategy di successo nel B2B?

«Certamente. Cerco di riassumere il tutto in tre punti fondamentali:

  1. Avere un Sito Web che sia semplice, efficace e “user friendly”. Molto spesso infatti ci si concentra sulla social media strategy per portare traffico sul sito, ma poi il sito presenta delle criticità e il cliente rischia di non vedere le conversioni che si aspetta in termini di risultato. Ecco perché prima di iniziare ad applicare qualunque strategia di Digital Marketing, è necessario lavorare per avere un ottimo sito web;
  2. Pianificare attività ed investimenti con 4/6 mesi di anticipo, cercando di utilizzare gli strumenti di marketing digitale per massimizzare i “momenti” più importanti della propria strategia di sales & marketing (lancio di un nuovo prodotto/servizio, promozioni speciali svolte in alcuni periodi dell’anno particolarmente favorevoli per le vendite, apertura di nuove business unit ecc..), dando luogo a piani di marketing ben strutturati ed integrati;
  3. Affermarsi come “thought leaders” nel proprio mercato di riferimento. Nel B2B più che mai, per emergere come azienda leader di settore è necessario lavorare molto sulla Content Strategy, al fine di migliorare il trust ovvero “la fiducia” dei propri potenziali clienti. Avere un Blog è un importante elemento della suddetta strategia, in quanto aumenta la consapevolezza nei lettori che quella particolare azienda, o quel particolare professionista, conosce la propria materia fino in fondo».

Nella tua esperienza, quali sono le differenze principali tra una digital strategy B2C e una B2B, a livello di strumenti e pianificazioni?

«Anche in questo caso, citerò tre punti :

  1. La Strategia B2C è in linea generale più “emozionale”. Si cerca di fare leva sulle emozioni del consumatore per renderlo vicino al proprio brand. Nel B2B invece l’approccio è molto più pragmatico, maggiormente volto a dimostrare la propria unicità rispetto al mercato di riferimento.
  2. Nel B2C si lavora per tempi più lunghi sulla costruzione del Brand, mentre nel B2B si cerca di generare “leads” nel minor tempo possibile, anche se molto poi dipende dalla tipologia di prodotto/servizio che si sta offrendo.
  3. Nel B2B più che mai è fondamentale il ruolo del Team Sales, che deve svolgere un’attività di costante ed efficace follow up sui potenziali leads che arrivano come conseguenza di una digital strategy di successo. È quindi necessario pianificare una strategia di vendita che sia pronta a cogliere le opportunità generate nel modo giusto e trasformarle in importanti risultati di vendita».

Ora parliamo di startup: poiché vivi a Londra, trovi che ci siano delle differenze tra Italia e UK?

«Esistono delle enormi differenze tra il mondo startup inglese e quello italiano, a mio avviso. Prima di tutto per quanto concerne la disponibilità di capitali, che ovviamente qui si presenta più ampia. Inoltre un’altra fondamentale differenza è l’approccio a livello di execution.

In UK si tende a lavorare in modo più efficente e pragmatico e queste sono caratteristiche molto importanti per chi vuole creare un’impresa di successo. Gli italiani sono spesso poco inclini al sacrificio e al lavorare con precisione (anche se non mi piace generalizzare). Tuttavia posso dire che questo è quanto ho potuto riscontrare durante la mia esperienza ormai quasi quinquennale in questo settore».

Tra le tante cose che fai sei anche fondatrice e organizzatrice del Mashable Social media Day Italy + Digital Innovation Days. Com’è iniziata la tua avventura?

«La mia avventura è iniziata quasi per caso. Nel 2014, quando ci fu il primo contatto con Mashable, che mi parlò di questa possibilità, vivevo già a Londra e stavo quasi per dire di no. Poi mi sono detta: ma sì proviamo, i contatti ci sono, gli speaker anche, le idee non mi mancano e l’esperienza nemmeno, dato che da Marketing Manager ho sempre organizzato eventi sia di grande che di medio, che di piccolo calibro. In tutta onestà non avrei mai potuto immaginare che sarebbe diventato quello che è oggi. Ho solo seguito il cuore e l’istinto… poi ci ho messo tanto lavoro e tanta passione ed i risultati sono arrivati.

Ora mi aspetto che migliorino ancora di più. Me lo fate un “in bocca al lupo”?».

Quest’anno l’evento si svolgerà presso il Talent Garden-Calabiana di Milano, i prossimi 19-20 e 21 Ottobre, vuoi anticiparci qualcosa?

«Assolutamente sì, sto lavorando per renderlo l’evento più bello di sempre. La location, dire che è bellissima è dire poco: si tratta di uno dei co-working più grandi ed innovativi d’Europa.

Il programma è ricchissimo, pieno di contenuti stimolanti ed interessanti per qualunque tipo di audience. Abbiamo selezionato i relatori in maniera molto accurata. Ciascuno di loro può vantare curriculum di altissimo livello. Alcuni sono internazionali e molti altri sono italiani, ma possono vantare esperienze all’estero presso realtà importanti.

Abbiamo speaker che arriveranno appositamente per parlare al Mashable da Los Angeles, dal Canada e da Londra. Ho voluto garantire un programma unico. Il mio obiettivo più importante è che i partecipanti possano davvero portarsi a casa qualcosa da questo evento. Devono uscire dalla tre giorni ispirati, carichi, con tanta voglia di fare sempre meglio nella propria vita e nelle proprie carriere».

Ringraziamo Eleonora Rocca per averci fornito degli spunti molto utili in questa intervista. Vi ricordiamo che per voi lettori del Leevia blog c’è uno sconto del 30% per il Mashable Social Media Day, valido anche in Early Birds. Basta cliccare qui.

 

Photo Credits: Immagine di copertina tratta da #iosonociòchevedi, campagna di comunicazione basata sul valore dell’autenticità nel mondo web.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla Newsletter ▸

Potrebbe interessarti anche: