Se vuoi fare il blogger in modo serio, devi produrre pillar article. Non sono io a dirlo, è un dato di fatto, e adesso ti spiego il perché.

 

Gli articoli di un blog non sono tutti uguali, e non mi riferisco solo agli argomenti trattati, ma al loro valore in termini di economia generale e di struttura.

Cosa intendo dire con questo?

Banalmente, che ci sono alcuni articoli che scrivi per coprire uno specifico argomento che, però, non rappresenta un elemento centrale nella tua strategia professionale.

Chiaro? No?

Ok, andiamo per gradi, e iniziamo dal principio.

In principio fu il sole e la terra…no, aspe’…questa è un’altra storia.

Iniziamo dalla definizione di pillar article.

Cos’è un pillar article

Un pillar article è un articolo molto lungo, nel quale illustri tutto quello che c’è da dire rispetto ad un dato argomento, in modo esaustivo.

Ma un pillar article non è solo un articolo molto lungo, è molto di più.

L’importanza dei pillar article è misurabile in tre modi: posizionamento organico sui motori di ricerca, conversione economica, struttura del blog.

Vediamo insieme questi tre elementi.

Pillar article: posizionamento organico sui motori di ricerca

Diverse ricerche hanno evidenziato un legame diretto tra la lunghezza degli articoli e il loro posizionamento su Google.

Questo ci suggerisce che fornire molto testo (e non solo) allo spider consente a quest’ultimo di acquisire più informazioni utili alla valutazione del contenuto.

In poche parole, se spieghiamo meglio a Google di cosa parla il nostro articolo, potrà capire meglio se risponde in modo efficace alle domande degli utenti.

Inoltre, un articolo molto lungo ci consente di produrre una struttura del contenuto meglio articolata, con i giusti Tag Html (H2, H3, H4, ecc.), link interni ed esterni più ragionati, elementi multimediali a corredo delle informazioni riportate, e così via.

Insomma, un pillar article è un articolo migliore rispetto agli altri, più completo, che potrà (potenzialmente) ricevere un ranking migliore sui motori di ricerca e posizionarsi in alto in SERP.

Conversione economica

Come ho detto all’inizio, gli articoli non sono tutti uguali. Alcuni articoli hanno un mero obiettivo divulgativo, altri sono un riempitivo, ma una attività di blogging per essere utile ad un professionista o ad un’azienda deve contenere articoli finalizzati alla conversione economica.

Se sei un esperto di Facebook Ads, ad esempio, produrrai una vagonata di articoli sul social media marketing, il community management, il Facebook Marketing, e così via.

Il tuo obiettivo, però, non dovrebbe essere parlare con gli addetti ai lavori (si spera), ma essere intercettato da un potenziale cliente che ha bisogno di qualcuno con le tue skill.

Quindi, dovrai produrre un pillar article sull’argomento Facebook Ads, nel quale mostri tutto il tuo sapere, facendo capire ad un potenziale cliente che sei un drago a fare le sponsorizzate sul social di Marchetiello.

Struttura del blog

Uno degli errori che mi trovo a segnalare più spesso agli allievi dei miei corsi o ai clienti e potenziali tali, è l’assenza di una struttura chiara nel loro blog.

Un blog non è un archivio di contenuti singoli, ma un organismo complesso, che necessita di una struttura chiara e ordinata.

In che modo i pillar article impattano sulla struttura di un blog?

Te lo spiego prendendo in prestito questa infografica sviluppata da Neil Patel.

pillar article

Come vedi, il concetto di pillar article è alla base della struttura della tua strategia editoriale.

Se ti occupi di Home Remodeling, dovrai produrre un articolo pillar sull’argomento, e una serie di altri articoli, magari più agili e veloci, che vadano in verticale, all’interno dei quali linkare il principale.

Ora, immagina di farlo per N argomenti importanti per il tuo business, il risultato sarà un blog con una struttura ordinata, che fornisce agli utenti e a Google delle indicazioni molto chiare anche sulla gerarchia dei tuoi contenuti.

Un pillar article, infatti, è più importante rispetto agli altri articoli, e producendo un contenuto centrale e una serie di contenuti satelliti fornirai questa informazione anche al motore di ricerca, che vi presterà maggiore attenzione.

Conclusioni

Se hai un blog, dovresti sviluppare un piano editoriale che preveda una serie di pillar article, da sostenere e spingere attraverso altri contenuti, più verticali.

In questo modo, potrai competere con gli altri blog del tuo settore, e provare a scalare le SERP di Google per generare traffico organico profilato e di qualità.

Inoltre, potrai ricevere più condivisioni social e link in ingresso, gratis, accrescendo la tua autorevolezza, sia agli occhi della tua nicchia di settore che del motore di ricerca.

In poche parole, dovresti scrivere articoli che gli altri usano come fonte.

Summary
3 motivi per cui dovresti scrivere Pillar Article sul tuo blog
Article Name
3 motivi per cui dovresti scrivere Pillar Article sul tuo blog
Description
Cos'è un Pillar Article e perché dovresti scriverne uno: 3 ragioni per cui è importante avere Pillar Article sul suo tuo blog e come scriverne uno in modo corretto e che possa portare traffico sul tuo blog grazie al posizionamento sulla SERP
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo