Google Discover arriva su tutti i dispositivi mobili, LinkedIn migliora le sue integrazioni con Vimeo, Google Campaign Manager e Bing ADS. Snapchat lancia un’app per desktop per modificare video

 

Le notizie della settimana di ambito Digital marketing, Social media marketing e non solo, con diverse novità da parte di Google, ma anche da LinkedIn e Snapchat.

 

Discover arriva nella homepage di Google mobile

Google Discover, dopo aver fatto molto parlare di sé, è finalmente disponibile per tutti gli utenti. Precedentemente noto come Google Feed e riservato solo ad alcuni dispositivi, ora è arrivato su tutti gli smartphone e tablet, permettendo agli utenti di scoprire quotidianamente notizie basate sui propri interessi.

Google Discover weekly marketing recap 2 novembreCliccando sui tre puntini visibili sulla notizia, l’utente potrà andare a personalizzare il proprio feed, in modo da essere sempre aggiornato relativamente ai propri settori di interesse. I consigli visibili al primo accesso si basano sui dati contenuti nell’account Google di un utente, ovvero attività web, informazioni sul dispositivo, cronologia ed impostazioni di posizione. Proprio per la somma di questi fattori, le notizie mostrate variano da persona a persona.

Per i creatori di contenuti, Google Discover è un buon passo avanti: in base al suo algoritmo dedicato, infatti, l’app mostrerà sia le notizie appena pubblicate sia quelle che risultano essere più pertinenti per l’utente (anche se non di estrema attualità). Google Discover premierà soprattutto i contenuti di qualità.

 

Google AdSense cambia le sue policy

Google sta modificando le policy di AdSense, la piattaforma che consente agli utenti iscritti di pubblicare annunci sul proprio sito web e monetizzare.

I publisher AdSense che intendono pubblicare annunci su più di un sito web, ora dovranno aggiungerli tutti al proprio account e svolgere un nuovo processo di verifica. Essa si suddivide in due fasi: in un primo momento, i publisher AdSense dovranno dimostrare di essere titolari del dominio sul quale andranno mostrati gli annunci. Una volta superata questa fase, la nuova policy prevede che Google riveda tutto il sito per verificarne la conformità alle norme del programma AdSense. Se Google ha approvato il sito web in questione, il dominio sarà visibile nella dashboard come “pronto”.

In caso di mancata approvazione, Google mostrerà gli errori da correggere, in modo da permettere ai titolari del sito web di sistemare le problematiche prima di sottoporre nuovamente la richiesta.

 

Le nuove integrazioni di LinkedIn: Vimeo, Google Campaign Manager e Bing ADS

LinkedIn sempre più integrato con altre piattaforme, ecco le notizie che arrivano da Vimeo, Google Campaign Manager e Bing ADS.

Vimeo

Da pochi giorni, Vimeo ha annunciato un’integrazione con LinkedIn che consentirà alle pagine aziendali di pubblicare i contenuti caricati sulla piattaforma video, in maniera semplice e rapida. Questa integrazione include anche l’analisi, che consentirà agli utenti di accedere alle statistiche relative al rendimento ed alla visualizzazione su LinkedIn.

Peter Roybal, tra i product manager LinkedIn, ha affermato:

I video sono diventati tra i fattori chiave per l’engagement degli utenti LinkedIn. La nostra nuova integrazione con Vimeo è un grande passo per chiunque voglia ottenere maggior visibilità ed ampliare la propria portata al pubblico.

Questa funzione è disponibile per tutti gli abbonati premium a Vimeo.

Google Campaign Manager

Da Google Campaign Manager si potrà ora monitorare il rendimento degli annunci LinkedIn. Dal momento dell’attivazione dell’integrazione, gli inserzionisti saranno in grado di verificare il rendimento degli annunci nel Campaign Manager ed utilizzare le funzionalità di attribuzione di conversione per le campagne di contenuti sponsorizzati.

I vertici di LinkedIn hanno affermato:

Questa integrazione mette in evidenza il nostro impegno nel rendere più facile l’utilizzo della piattaforma pubblicitaria di LinkedIn, fornendo agli operatori la flessibilità necessaria per accedere a tutte le loro campagne da un unico luogo.

Bing ADS

L’integrazione di LinkedIn con Microsoft è sempre più evidente, ecco perché Bing ADS sta iniziando ora a consentire ai suoi inserzionisti di targetizzare secondo il pubblico del proprio profilo LinkedIn. La funzione, in versione beta per i client correnti, è disponibile nelle campagne di ricerca sulla piattaforma Bing ADS.

Microsoft vuole approfittare delle informazioni relative agli utenti ed ai loro dati aziendali, offrendo quindi un targeting più preciso attraverso le tre dimensioni fondamentali dei profili professionali: azienda, professione e settore di appartenenza.

LinkedIn Profile Targeting permetterà una semplificazione nella creazione e nella gestione delle campagne. La funzionalità è per ora disponibile solo per gli Stati Uniti, ma presto arriverà in tutto il mondo.

 

Snapchat lancia un’app desktop per l’aggiunta di filtri ai video

Snapchat ha lanciato un’applicazione desktop, Snap Camera, che consente agli utenti di aggiungere filtri ai live streaming e alle video chat. Disponibile per Windows e MacOS, gli utenti possono utilizzare Snap Camera come app per webcam e sfruttarne le funzionalità su servizi di video chat, come ad esempio Skype. Inoltre, l’applicazione è integrata a YouTube.

Quando Snap Camera è aperto, prende l’imput di una webcam fisica e implementa l’immagine con il filtro selezionato. Dopo aver scaricato ed installato l’app, le lenti di Snapchat possono essere utilizzate per la creazione di video simpatici e creativi. Tutti possono scaricare Snap Camera: non è necessario un account Snapchat per utilizzare l’applicazione.

 

Periscope è stato aggiornato con nuove funzionalità per aumentare l’engagement

Dopo il lancio di nuove funzionalità anti-abuso, Periscope si aggiorna ancora. Questa volta, però, per aumentare l’engagement degli utenti in fase di replay dello streaming. Di seguito le funzioni introdotte:

  • scelta di una miniatura per il proprio video, in modo da mettere in evidenza il momento migliore dello stream;
  • modifica del titolo;
  • impostazione di un punto di partenza personalizzato dal quale ripetere lo stream.

Per avere accesso alle nuove funzionalità di engagement sarà necessario semplicemente avere l’ultimo aggiornamento dell’app.

 

Articoli da leggere

  • Aspettavamo tutti che Twitter allungasse il limite dei caratteri da 140 a 280, ma siamo sicuri che quest’implementazione sia stata utile agli utenti? Un report a cura di Axios, riportato su Search Engine Journal, dimostra che le persone utilizzano il social dei cinguettii esattamente come prima, senza particolari aumenti nei caratteri dei tweet pubblicati;
  • La tua azienda genera domanda o si limita semplicemente ad identificarla? Un articolo a cura del Content Marketing Institute ti spiega, attraverso dati statistici, come aumentare la domanda dei tuoi clienti o potenziali in modo proattivo.

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Ti manderemo il nostro recap settimanale ogni lunedì

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.

Summary
Google Discover arriva per tutti i dispositivi mobili
Article Name
Google Discover arriva per tutti i dispositivi mobili
Description
Weekly marketing recap del 02 novembre: Google Discover arriva su tutti i dispositivi mobili, LinkedIn migliora le sue integrazioni con Vimeo, Google Campaign Manager e Bing ADS, Snapchat lancia un'app per desktop per modificare video, Periscope cerca nuovi modi per creare engagement nel replay e Google AdSense modifica le sue policy per i publisher.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo