Qual è l’errore più comune di un business? Strategia di marketing sbagliata, prodotto che non corrisponde alle aspettative, brand debole e nessun lavoro di miglioramento. Nel caso di Twitter però non è niente di tutto questo. Continua a leggere per scoprire anche cosa sta succedendo con le LinkedIn Stories.

Twitter sta ancora in piedi nonostante il gruppo Facebook continui a convincere una grossissima fetta di utenti proprio per la sua stessa natura.

Il social è per sua natura uno strumento di dibattito politico, molto usato per le comunicazioni “ufficiali” (nonostante ci siano presidenti che dimenticano il fatto che pur sempre si tratta di un social) e per condividere insieme eventi, prime visioni e notizie di varia natura.

Ma il team di Twitter è pagato per sfornare nuove idee e metterle a disposizione dei suoi utenti e come poteva farsi scappare una feature nata da SnapChat e diventata popolare su Instagram?

Ecco che arrivano le Stories di 24 ore anche su Twitter. Si chiamano Fleets e gli utenti dichiarano guerra.

Due secondi soffermiamoci sulle caratteristiche:

  • I contenuti scompaiono dopo 24 ore
  • Non possono essere ritwittate
  • Non ottengono cuoricini
  • Non si può rispondere pubblicamente alle stories
  • Si può interagire solo tramite DM

La potenza di Twitter è la programmazione da piazza pubblica, in cui il dibattito per lo appunto è pubblico quindi alla vista di tutti. Quindi perché creare una feature che sia praticamente uguale ai competitor?

Scelta corretta o meno non stiamo a sindacare su questo aspetto. Ci stanno già pensando gli utenti che con un Hashtag hanno dichiarato il loro “non apprezzamento” alla nuova feature.

#RIPTwitter arriva tra gli hashtag in trending

Reazione molto esagerata ma… è Twitter. Vive per dare visibilità a reazioni esagerate, alcune volte ciò gli si ripercuote contro. Non è la prima volta che i suoi utenti si sono mostrati non proprio soddisfatti. Basti pensare al terribile affronto con l’abolizione dei 140 caratteri. Eppure Twitter è ancora qui: vivo, vegeto e richiama l’attenzione.

#ripTwitter, l'introduzione delle stories ha infuriato gli utenti

Quali sono le ragioni di tale accanimento contro la piattaforma?

Si parla di una funzione che non era stata richiesta e che si pensa abbia rubato tempo per crearne nuove più interessanti e volute, come ad esempio la possibilità di modificare i tweet.

Di contro la risposta di Twitter è quella che in questo modo vuole avvicinare gli utenti che non sono a proprio agio a scrivere i propri pensieri in un dibattito pubblico aperto a cui tutti possono rispondere e anche il pensiero dei cuoricini e dei Retweet mette una sorta di pressione sociale.

In ogni caso è ancora una feature in test, disponibile solo su iOS e Android localizzati in Brasile. Quando arriverà da noi è ancora da stabilire.

Nel frattempo su LinkedIn….

Il social dei professionisti per eccellenza continua a introdurre funzioni simili a quelli di altri. Nel 2019 è stato l’anno delle reaction, introdotte e usate da tempo su Facebook, mentre in questo 2020 vedremo l’avvento delle LinkedIn Stories.

Quante cose dobbiamo dirci in 24 ore?

  • Colazione/Pranzo/Cena li mettiamo su Instagram
  • Lavoro/Lezioni su LinkedIn
  • Farci notare politicamente impegnati su Twitter
  • Video e challenge ridicole su TikTok
  • I gatti vanno bene ovunque. Conquisteranno anche LinkedIn.

Ecco come dovremmo passare le nostre 24 ore.

Andando oltre le battutine, torniamo alla dichiarazione di Pete Davis – capo dei prodotti sui contenuti di LinkedIn – in cui spiega che stanno testando internamente le Stories per dare la possibilità di condividere i momenti chiave di eventi lavorativi. Lo scopo è quello di rendere più creativo e autentico il modo in cui gli utenti condividono la vita lavorativa.

Aumentare l’engagement e non solo. LinkedIn sta cercando di attirare a se le nuove generazioni che sono già abituate a usare questo formato praticamente ovunque. Inoltre è anche il risultato di un’altra iniziativa, rimasta a disposizione solo per gli studenti universitari americani, chiamata Student Voices in cui si mostravano video brevi caricati sulla Campus Playlist

Siamo pronti a scoprire cosa succederà e se anche tu non vuoi perderti gli eventi e le news sul social media marketing della settimana dovresti iscriverti alla nostra #WMR. ovvero alla Weekly Marketing Recap che inviamo ogni lunedì sul nostro canale Telegram, sulle Stories di Instagram e tramite newsletter.

Ricevi la #WMR ogni lunedì

Riassunto
#RIPTwitter e LinkedIn Stories: contenuti farfalla per tutti
Titolo Articolo
#RIPTwitter e LinkedIn Stories: contenuti farfalla per tutti
Descrizione
Twitter testa Fleets, ovvero le sue Stories e Linkedin non rimane indietro. Perché Twitter e LinkedIn lo stanno facendo?Condivisioni in 24 ore
Autore
Editore
Leevia
Logo Editore