Whatsapp ha annunciato che inizierà a condividere i dati dei suoi utenti con Facebook, la società che ne ha acquistato la proprietà totale nel 2014. Attraverso un annuncio pubblicato sul suo blog, infatti, il management ha annunciato il cambiamento dei “termini e condizioni del servizio”, ovvero le informazioni legali in cui viene esplicitato che tipo di dati vengono salvati e come vengono usati. Trovate a questo link i documenti.

Dai nuovi termini, che l’utente deve sottoscrivere per poter accedere al servizio, emerge che il numero di telefono e la lista dei contatti Whatsapp saranno da oggi condivisi con Facebook, in modo da incrociare questi dati con i dati del profilo registrato sul social network. Questo, da quanto viene comunicato, per migliorare i servizi di targettizzazione pubblicitaria, sia su Facebook che su Whatsapp. Su Facebook sarà quindi più semplice trovare tra gli amici suggeriti i propri contatti di Whatsapp oppure pubblicità relative ad aziende il cui contatto è già presente nella nostra rubrica, mentre sul servizio di messaggistica potremmo avere informazioni più specifiche relativamente  ad informazioni diffuse dalle aziende a cui potremmo essere interessati (messaggi da parte della propria banca o della compagnia area da cui abbiamo acquistato un volo).

La novità ha ovviamente generato una certa preoccupazione, in quanto comunque finora le due società, pur essendo della stessa proprietà, si sono sempre comportate, rispetto ai propri servizi, come due entità separate, tanto da risultare in qualche modo anche in competizione (Facebook sta puntando molto su Messenger da quando ha separato il servizio dalla propria app principale) e alla luce della promessa fatta al momento dell’acquisizione relativa al mantenimento completo della privacy dei propri utenti strettamente sotto il controllo di Whatsapp. L’azienda ha comunque voluto sottolineare che i dati relativi ai messaggi, foto e file scambiati resteranno strettamente privati e con l’aggiunta della crittografia end-to-end, implementata lo scorso aprile, neanche Whatsapp ha più la facoltà di vedere o leggere i messaggi dei propri utenti.

Tuttavia molti utenti non vogliono che i due servizi si scambino tali informazioni in merito ai propri dati personali. Si può evitare di sottoscrivere questo specifico punto dei nuovi “termini e condizioni” e continuare ad usare l’applicazione di messaggistica? La risposta è si ed è anche un processo molto semplice.

Al momento infatti della prima apertura dell’applicazione dopo il cambiamento vi viene chiesto di approvare il documento, in fondo vi è una casella da cui poter togliere la spunta, è la parte relativa alla condivisione dei dati con Facebook.

whatsapp privacy

Altrimenti, se avete già accettato il documento senza leggerlo (siamo onesti, dai, chi legge tutte queste cose?) potete comunque entro 30 giorni cambiare la vostra decisione dall’app andando in Impostazioni >Account > Condividi info account e togliere la spunta da “Condividi Info Account”.

whatsapp privacy

Adesso la vostra privacy sarà finalmente mantenuta!