Condividi

Ecco quanto costa, in media, fare pubblicità su Facebook. I benchmark FB ADS.

Il numero di inserzionisti di Facebook è in crescita ogni giorno e, ad oggi, sono circa 10 milioni le aziende che investono in ADV sulla piattaforma.

Con l’ampia varietà di formati e di opzioni di targeting esistono oggi ottime possibilità di mostrare gli annunci esattamente agli utenti che si desidera convertire. Bisogna capire quali messaggi lanciare, in che modo e a chi, dopodiché investire in campagne ad hoc.

Proprio su questo punto ci focalizzeremo oggi. Infatti, soprattutto quando si è all’inizio, non si ha idea di quali siano i costi della pubblicità su Facebook. Di seguito, troverai gli ultimi benchmark FB ADS dedicati a quattro metriche chiave:

  • click-through rate;
  • cost per click;
  • conversion rate;
  • cost per action.

CTR medio per campagne Facebook

L’acronimo CTR sta per click-through rate e rappresenta il rapporto fra il numero dei clic generati da un annuncio ed il numero delle volte in cui lo stesso è stato visto.

Il CTR medio su Facebook è dello 0,90%, che si può abbassare o alzare a seconda dei settori.

Gli inserzionisti che operano nel settore legale hanno CTR inferiori alla media nella rete di ricerca di Google, mentre su Facebook performano bene con un rapporto click / view pari all’1,61%.

La differenza tra piattaforme potrebbe essere dovuta al fatto che è più difficile portare al clic un potenziale cliente alla ricerca di un avvocato quando l’annuncio si fonde insieme agli altri all’interno della SERP. Tuttavia, è molto più probabile che un’invitante CTA ed un’immagine o video che interrompano lo scorrimento, si distinguano all’interno del feed social di un potenziale cliente.

Altri settori con CTR elevati includono:

  • vendita al dettaglio (1,59%);
  • abbigliamento (1,24%);
  • bellezza (1,16%);
  • tecnologia (1,04%);
  • fitness (1,01%).

Non è un caso che gli annunci in questi settori abbiano un rendimento particolarmente buono su piattaforme altamente visive come Facebook. Inoltre, un fattore che potrebbe contribuire a CTR elevati proprio in questi ambiti è che spesso vi sono offerte, promozioni, contest, sconti ed omaggi: tutti ottimi incentivi per convincere le persone a cliccare sull’annuncio.

I servizi dedicati all’occupazione e formazione professionale hanno un CTR basso (0,47%), seguiti da finanza ed assicurazioni (0,56%), servizi ai clienti (0,62%), bricolage (0,70%) e B2B (0,78%).

CPC medio su Facebook

Il CPC medio su Facebook è pari a 1,72 $.

Fonte: https://instapage.com/blog/facebook-advertising-benchmarks

Gli inserzionisti che operano nel settore finanziario registrano il CPC più elevato (3,77 $) e il CTR più basso. In pratica, poche persone fanno clic sugli annunci e gli inserzionisti stanno pagando molto per ottenerli. Una situazione decisamente in perdita.

I clic più economici sono appannaggio dell’abbigliamento (0,45 $), dei viaggi e dell’ospitalità (0,63 $) e della vendita al dettaglio (0,70 $). Inoltre, la vendita al dettaglio e l’abbigliamento hanno i CTR più elevati: un ottimo vantaggio per entrambi i settori.

Se la tua attività rientra in una delle categorie con una media di CPC bassa è comunque essenziale capire come gestire i budget pubblicitari, poiché questi settori hanno spesso un pubblico molto ampio.

Conversion rate medio su Facebook

Il tasso medio di conversione degli annunci Facebook è pari al 9,21%, molto più alto rispetto al benchmark Google ADS.

La piattaforma aiuta molto gli inserzionisti che operano nei settori fitness, istruzione, occupazione e formazione professionale, con tassi di conversione rispettivamente del 14,29%, 13,58% e 11,73%.

Questo dato è molto interessante perché il settore dedicato all’occupazione e formazione professionale ha il CTR più basso, ma quando le persone fanno clic convertono al terzo tasso più alto. Allo stesso modo, mentre gli annunci di fitness hanno il quarto CTR più alto, convertono con un tasso importante. Una ragione di ciò potrebbe essere l’elevata intenzione degli utenti che fanno clic. Le persone sanno esattamente cosa vogliono e non fanno clic finché non sono pronti ad agire.

Conversion rate medio facebook
Fonte: https://instapage.com/blog/facebook-advertising-benchmarks

Sfortunatamente, molti settori sono ben al di sotto del conversion rate medio di Facebook. Tra questi troviamo la vendita al dettaglio (3,26%), viaggi ed ospitalità (2,82%) e tecnologia (2,31%).

Costo per azione medio su Facebook

Tra i benchmark FB ADS, non poteva mancare il costo medi per azione. Il CPA su Facebook in tutti i settori è pari a 18,68 $. Per questi risultati, le azioni variano in base agli obiettivi specifici degli inserzionisti tra cui vendite, lead generation, download di risorse e così via dicendo.

Per esempio, gli inserzionisti nel settore dell’istruzione non pagano molto per i clic sugli annunci, ma spendono in media 55,21 $ per azione. Quindi, sebbene Facebook possa essere un luogo eccellente per promuovere programmi di istruzione per attirare nuovi studenti, può essere piuttosto costoso.

Per il settore tecnologico, in particolare, uno dei motivi per un CPA elevato potrebbe essere l’intento degli utenti. Ricorda: Facebook è una piattaforma social, quindi la maggioranza delle persone interagisce con essa per chiacchierare con amici e familiari, non necessariamente per acquistare.

Altri settori con CPA elevati includono il miglioramento della casa (44,66 $), automotive (43,84 $) e finanza ed assicurazioni (41,43 $), mentre CPA bassi sono per i settori abbigliamento (10,98 $) e settore immobiliare (16,92 $).

Benchmark FB ADS: perché è utile conoscerli?

Se stai già facendo pubblicità su Facebook, conoscere i benchmark FB ADS ti darà un’idea di dove si posizionano le tue campagne. Utilizzarli come riferimento è utile perché c’è sempre spazio per migliorare le tue metriche, soprattutto se non raggiungi la media del tuo settore.

L’ottimizzazione nella creatività e l’ideazione di offerte pertinenti ti aiuterà a migliorare tutte le metriche della tua campagna.


Vuoi ricevere aggiornamenti sulle ultime novità in campo digital e social media marketing?

Riassunto
Benchmark FB ADS: i costi medi della pubblicità su Facebook
Titolo Articolo
Benchmark FB ADS: i costi medi della pubblicità su Facebook
Descrizione
Con l'ampia varietà di formati e di opzioni di targeting esistono oggi ottime possibilità di mostrare gli annunci esattamente agli utenti che si desidera convertire. Bisogna capire quali messaggi lanciare, in che modo e a chi, dopodiché investire in campagne ad hoc. Proprio per questo è importante conoscere i benchmark FB ADS.
Autore
Editore
Leevia
Logo Editore
Condividi