Condividi

Cos’è il Pixel Advanced Matching di Facebook? Breve guida su come e perché attivarlo

Facebook è diventato uno strumento pressoché imprescindibile nei piani di social media marketing di diversi settori. La possibilità di segmentare gli iscritti, utilizzando dati demografici e comportamentali, consente alle aziende di esporre i propri annunci ad un pubblico estremamente mirato.

Eppure c’è una funzionalità di Facebook che permette alle aziende di trarre più vantaggio, ma è ancora poco utilizzata. Parliamo del Pixel Advanced Matching: ecco che cos’è, ma anche come e perché attivarlo.

Che cos’è il Pixel Advanced Matching di Facebook

Facebook fornisce il suo Pixel Advanced Matching dal 2016. Questo strumento offre agli inserzionisti la possibilità di collegare i dati dei propri clienti, come indirizzi e-mail, numeri di telefono e altri dati demografici, alle loro campagne Facebook.

Prima dell’introduzione di questa funzionalità, le aziende non potevano monitorare se il pubblico al quale avevano promosso gli annunci convertiva effettivamente, a meno che l’azione non avvenisse all’interno di un browser che aveva al suo interno i cookie di Facebook.

Inoltre, il Pixel ha fornito agli inserzionisti la possibilità di trovare e raggiungere i propri clienti da database con i propri messaggi pubblicitari e ha altresì permesso di raggiungere nuovi potenziali clienti grazie all’introduzione del pubblico lookalike, ovvero simile.

Come attivare il Pixel di Facebook

Per attivare il Pixel di Facebook è necessario collegarsi al Business Manager dell’azienda > Gestione eventi > Origine dei dati > Collega una nuova origine dei dati.

Se il Pixel va installato all’interno di un sito Web, scegliere l’opzione Web > Inizia.

Come attivare il Pixel di Facebook

Ora hai davanti a te due opzioni: API Conversions e Pixel di Facebook.

API Conversions

L’API Conversions consente agli inserzionisti di inviare eventi web dai loro server direttamente a Facebook. Gli eventi server sono collegati a un pixel e vengono elaborati come eventi del pixel del browser. Ciò significa che gli eventi server vengono utilizzati nella misurazione, nel reporting e nell’ottimizzazione allo stesso modo degli eventi del pixel del browser.

Selezionando API Conversions è possibile il collegamento tramite una delle piattaforme partner oppure mediante la creazione del token d’accesso e implementazione dell’API.

piattaforme partner api conversions facebook

Pixel di Facebook

Decidendo di creare un Pixel di Facebook hai la possibilità di installare il codice manualmente, tu stesso o tramite uno sviluppatore, oppure di utilizzare le integrazioni partner.

Non c’è un’opzione migliore delle altre, ma la scelta consigliata è sempre quella di copiare il codice Pixel all’interno del sito Web. Per farlo basterà cercare nel codice per incollare il Pixel nell’intestazione, dopo <head> e prima di </head>.

Una volta installato il Pixel all’interno del sito Web, ti consigliamo di scaricare l’estensione per Chrome Facebook Pixel Helper per verificare che tutto funzioni correttamente. Eseguito questo passaggio, puoi tornare all’interno delle Origini dei dati, per creare le conversioni personalizzate, al fine di monitorare al meglio le azioni compiute dai tuoi utenti.

API Conversions vs. Pixel di Facebook

L’API Conversions permette di misurare degli eventi che il Pixel non può monitorare, come per esempio quando un ordine sul sito web viene completato online o restituito.

Nella pratica, il Pixel rileva ed invia gli eventi tramite i browser Web utilizzati dai clienti, mentre l’API Conversions consente di inviare gli stessi direttamente al tuo server. Questi vengono deduplicati ed elaborati come eventi del Pixel e possono essere utilizzati per la misurazione delle inserzioni e / o per ottimizzare la pubblicazione.

Pixel Advanced Matching di Facebook: come e perché attivarlo

Molte aziende acquisiscono dati dei clienti come parte di eventi quali InitiateCheckout, Purchase e CompleteRegistration. Il Pixel Advanced Matching permette di utilizzare la configurazione attuale del Pixel (o di API Conversions) per associare i campi di testo del sito Web agli eventi corrispondenti.

Questa funzione può affinare il rendimento degli annunci, aumentando così la dimensione del pubblico personalizzato, migliorando le conversioni e offrendo una maggior copertura sulle campagne di remarketing.

In fase di test, il Pixel Advanced Matching ha portato ottimi risultati agli inserzionisti. Durante la fase beta, le aziende che lo hanno utilizzato hanno registrato un aumento medio dell’8% negli acquisti abbinati.

Per attivarlo basta un semplice clic.

Ti basterà andare in Gestione eventi > Impostazioni.

Pixel advanced matching

Una volta abilitata la funzione, sarà possibile vedere l’aumento del tasso di corrispondenza degli eventi all’interno della dashboard.

In conclusione

Date le sue potenzialità, il consiglio è quello di attivare sempre il Pixel di Facebook con la ricerca delle corrispondenze avanzata automatica. Questo ti aiuterà a migliorare le conversioni, l’ottimizzazione ed il remarketing al tuo pubblico, il che potrebbe di conseguenza portare ad un aumento importante del ROI delle tue campagne Facebook.


Vuoi ricevere aggiornamenti sulle ultime novità in campo digital e social media marketing?

Riassunto
Pixel Advanced Matching di Facebook: migliora le tue performance ADS
Titolo Articolo
Pixel Advanced Matching di Facebook: migliora le tue performance ADS
Descrizione
Nonostante Facebook sia divenuto imprescindibile all'interno della maggior parte delle strategie di digital marketing, esiste una funzionalità ancora poco utilizzata. Parliamo del Pixel Advanced Matching: ecco che cos'è, ma anche come e perché attivarlo.
Autore
Editore
Leevia
Logo Editore
Condividi