Luca Barboni e Federico Simonetti pubblicano con Flaccovio il primo manuale in italiano sul Growth Hacking

 

Growth Hacking - copertina libro«La metà dei soldi che spendo in pubblicità sono sprecati. Il problema è che non so quale sia».

Comincia con questa frase di John Wanamaker il primo manuale italiano sul Growth Hacking, scritto a quattro mani da Luca Barboni e Federico Simonetti.

Il titolo è evocativo: Growth Hacking, fai crescere la tua impresa online.

Un libro davvero utile e pieno di spunti interessanti, non solo per chi ha fondato o lavora per una startup, ma più in generale per chiunque si occupi di marketing e di business.

Barboni e Simonetti, con il contributo di Matteo Pogliani, Raffaele Gaito, Bernardo Mannelli, Claudio Marchetti e Federico Pacilli, tracciano un disegno chiaro e definito del Growth Hacking e il metodo Lean, analizzando quello che i big americani come Facebook, AirBnB, LinkedIn (e altre ex-startup) hanno fatto per arrivare al successo.

Cosa significa Growth Hacking?

Growth significa crescita, l’obiettivo di ogni azienda e di ogni marketer.

Hacking rappresenta, più che l’accezione negativa a cui associamo questo termine, la capacità di applicare un pensiero laterale alle strategie di crescita, ovvero di uscire dagli schemi e affrontare i problemi con soluzioni innovative.

La definizione offerta dal libro è quindi questa:

“Il growth hacking è un processo di sperimentazione veloce su tutti i canali, di marketing e di prodotto, il cui scopo è la ricerca del modo più efficace di far crescere un business”.

Un Growth Hacker, quindi, applica metodi “scientifici” di crescita, puntando al raggiungimento dell’obiettivo attraverso strategie innovative e non per forza convenzionali.

Questo modello è particolarmente adatto alle startup, che per definizione sono alla ricerca di modelli di business quanto più possibile scalabili e ripetibili, ma in realtà può essere utilizzato quasi per qualsiasi azienda.

Come si definisce un Growth Hacker?

Usiamo le parole del libro, che descrive le caratteristiche fondamentali di un Growth Hacker:

  • Attenzione ossessiva per le metriche e la misurazione dei risultati;
  • Considerazione del prodotto come canale di marketing;
  • Sperimentazione continua di nuove strategie e canali per misurare l’efficacia del funnel;
  • Competenze trasversali per racchiudere questi aspetti in una sola figura.

Insomma, un “ibrido tra un marketer e un programmatore”.

Ma non è sufficiente. Come ci insegna qualsiasi manuale di marketing, infatti, tutto parte dal prodotto. Partendo proprio dalle startup americane più famose, quindi, gli autori delineano quali sono i punti di similitudine che ne hanno definito il successo o il fallimento.

Nell’ultimo capitolo il libro fornisce anche una serie di informazioni preziose su come impostare un processo di growth hacking per diventare “un unicorno”. Dal brainstorming agli A/B test, fino agli strumenti più utili per rendere operative e funzionali le strategie.

Insomma, un libro davvero ricco di informazioni utili, che vi consigliamo caldamente di leggere.
Potete acquistarlo qui.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!


Potrebbe interessarti anche: