Se hai un blog o sito web aziendale è importante utilizzare le tecniche di SEO copywriting per posizionarlo al meglio sui motori di ricerca

 

La SEO copywriting si può definire come l’arte di saper scrivere contenuti adatti al web con il fine di posizionarsi al meglio sui motori di ricerca in risposta alle varie richieste degli utenti.  Ad oggi è inutile creare un proprio sito web o blog aziendale senza osservare le regole di ottimizzazione SEO nella scrittura dei contenuti, in quanto è proprio questo a portare un traffico costante sul medio-lungo periodo (Salvatore Aranzulla docet).

Sono diversi i principi da tenere a mente quando si opera con la scrittura SEO oriented, ma ci sono due elementi che sono imprescindibili: il target e l’inserimento della SEO copywriting in una strategia di marketing ad ampio spettro. Andiamo a vedere perché.

 

L’importanza del target

Il pubblico di riferimento è alla base di tutto. Quando si producono contenuti per il web è importante tenere a mente per chi lo si fa, e al contrario di quello che tanti web copywriter pensano, il destinatario non è Google ma l’utente. A tal proposito, per un mio dubbio personale, tempo fa mi sono ritrovata su un sito web che aveva sfruttato un’alta keyword density per posizionarsi bene sui motori di ricerca, rendendo di fatto il contenuto illeggibile per l’utente.

Seo copywriting scorretta

La keyword density è sì uno dei metodi per posizionarsi bene in risposta alle ricerche dei consumatori, ma non può e non deve nemmeno essere così palese, perché il rischio è che l’utente si ritrovi davanti ad un testo di scarsa leggibilità ed abbandoni la pagina dopo pochi secondi.

Il metodo per arrivare ai primi posti della SERP di Google è quello di fare una keyword research, ovvero una ricerca di parole chiave più cercate dagli utenti ed utilizzare anche le correlate. In questo modo si riesce a creare sia un testo piacevole alla lettura, sia Google friendly.

Ovviamente la ricerca di parole chiave non è tutto: bisogna anche comprendere come inserirle all’interno del testo, è importante saper utilizzare gli heading, compilare correttamente i campi SEO title e meta description, utilizzare i Tag Alt nelle immagini e molto altro, ma già tenere a mente l’intento di ricerca degli utenti sfruttando i risultati restituiti da una buona keyword research è già un buon passo avanti verso la SERP.

 

La SEO (non) è morta

Quante volte hai sentito dire o hai letto in qualche articolo che la SEO è morta? In realtà la SEO e tutti i suoi annessi, compresa la SEO copywriting, stanno benissimo e sono molto utili… Ovviamente solo quando utilizzate in una strategia ad ampio spettro in campo sales e marketing.

La SEO copywriting da sola non fa miracoli, ma come d’altra parte non li fanno i social network e nemmeno le campagne DEM (solo per citare alcune componenti del marketing digitale). Tutto deve essere sempre inserito in una strategia di digital marketing con un obiettivo ben preciso. La SEO copywriting, quindi la redazione costante di contenuti informativi per gli utenti, può essere utilizzata per fare lead generation con una Call to Action finale per l’iscrizione alla newsletter, per fare brand awareness dimostrando autorevolezza del marchio e così via dicendo. I social network possono essere utilizzati con i medesimi scopi, quindi lead generation e brand awareness, attraverso post organici e campagne ADV destinate ad un pubblico specifico. Spesso però, quando gli elementi vengono utilizzati singolarmente e non inseriti in uno specifico contesto, non si ottengono gli obiettivi sperati.

Un esempio culinario che calza a pennello? Pensiamo agli elementi che compongono una pizza, ma singolarmente (quindi pomodoro, mozzarella e pasta). Possiamo dire che da soli sono certamente buoni, ma forse un po’ insipidi. Ma cosa succede quando li mescoliamo insieme per preparare una pizza? Tutto acquista un sapore nuovo, dando vita ad un ottimo piatto che piace a (quasi) tutti.

Ecco, la SEO copywriting è un elemento della nostra pizza: da sola è utile, ma non sempre permette di raggiungere a pieno i nostri obiettivi di marketing digitale (nel caso dell’esempio culinario, quello di saziarci).

 

Il contenuto è importante, ma il contesto lo è ancor di più

Questo concetto riassume le due cose che non devi mai dimenticare quando fai SEO copywriting. Il contenuto in sé è fondamentale, ma non ha alcun valore se non sei in grado di intercettare il tuo pubblico. E come si intercetta il proprio target? Prima di tutto comprendendo cosa ricercano gli utenti quando utilizzano Google per trovare informazioni sul tuo settore di appartenenza e in secondo luogo offrendo loro più punti di contatto, quindi attivando una strategia completa di marketing digitale (ma anche tradizionale).


 

Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.


Potrebbe interessarti anche:

Summary
SEO copywriting: i due elementi da non dimenticare mai quando scrivi
Article Name
SEO copywriting: i due elementi da non dimenticare mai quando scrivi
Description
La SEO copywriting è l'arte di saper scrivere contenuti per il web. Ha numerose regole, che comprendono l'utilizzo corretto degli heading, dei Tag Alt sulle immagini, una keyword density non troppo alta (ma nemmeno troppo bassa) e molto altro. Ci sono due elementi che però ci si dimentica spesso quando si scrive per il web: il target di riferimento e il fatto che la SEO da sola non è sufficiente in una strategia ad ampio spettro.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo