Il marketing per ogni generazione può essere complicato e anche la Generazione X non fa eccezione

 

In questi ultimi anni si è parlato molto spesso di Generazione Z e Millennials, quasi dimenticando la Generazione X, ovvero tutte quelle persone nate tra il 1965 ed il 1980. Certo, si tratta di un numero di individui inferiore rispetto a quelli che compongono le nuove generazioni, ma parliamo ancora di ben 66 milioni di persone con un ottimo potere di acquisto (solo negli Stati Uniti parliamo del 31%) e con un reddito in media superiore a quello dei Millennials e della Gen Z.

 

Sei cose da sapere sulla Generazione X

Ogni generazione ha delle caratteristiche comuni tra la maggior parte degli individui: così è anche per i Millennials e per la Generazione Z. Secondo diverse ricerche, la Generazione X è quella senza fiducia nel futuro, scettica relativamente ai valori tradizionali e nei confronti delle istituzioni in genere. Ad ogni modo, esistono anche delle altre peculiarità comuni all’interno della “vecchia” generazione che ci indicano in che modo ricercano e scelgono una determinata azienda nel loro processo di acquisto. Possiamo utilizzare questi elementi per comprendere come e con quali canali rivolgerci a questo particolare target.

 

Il 72% utilizza internet per ricercare aziende

Nonostante la Generazione X preferisca utilizzare TV e media tradizionali per informarsi, il 72% di loro usa anche il web per ricercare prodotti o servizi di interesse. Questo significa che gli spot televisivi o radiofonici non escludono automaticamente il web, anzi, per essere certi di raggiungere il maggior numero di persone possibili, i media digitali possono (e devono) lavorare in sinergia con quelli digitali.

La Generazione X, però, vuole vedere informazioni corrette ed affidabili. Per questo motivo è necessario prestare molta attenzione alla compilazione delle schede Google ed alle recensioni lasciate dagli utenti sulle maggiori piattaforme di acquisto prodotti o servizi.

 

La Generazione X è attiva sui social media

Secondo le statistiche, il 95% degli individui appartenenti alla Gen X utilizza Facebook, il 35% è presente su LinkedIn ed il 25% pubblica regolarmente su Twitter. Data l’alta percentuale di persone che utilizzano Facebook, essa sembra essere la piattaforma migliore per attivare una strategia di social media marketing a loro dedicata.

Se il tuo target di riferimento è costituito soprattutto da membri della Generation X, assicurati di creare post a loro dedicati e non dimenticare di lanciare delle inserzioni ad hoc targetizzate su questo gruppo di età.

Per colpire nel segno, ancora una volta, dovrai assicurarti della correttezza e completezza delle informazioni. Aggiungi una descrizione dettagliata nella sezione informazioni ed in quella dedicata alla storia aziendale, verifica che indirizzo, sito web e numero di telefono siano corretti ed infine gestisci sempre le recensioni Facebook, siano esse positive o negative.

 

Sono molto fedeli ai marchi

Le ricerche dimostrano che gli appartenenti alla Generazione X sono fedeli ai marchi che amano, molto più rispetto alle nuove generazioni. Per questo motivo è necessario attivare dei meccanismi che permettano di fidelizzare la clientela, magari premiando la fedeltà con sconti a loro dedicati.

Altra strategia molto importante è quella di fornire un servizio eccellente. Forse ti sembrerà una cosa semplice e scontata, ma se tratti bene i tuoi clienti abituali, non solo vorranno compiere di nuovo acquisti presso la tua azienda, ma saranno pronti ad attivare un passaparola che permetterà di acquisire nuovi clienti. Inoltre, chi si è trovato bene a compiere acquisti presso una determinata azienda, sembra che con il tempo sia disposto a spendere il 67% in più rispetto alla prima volta. Per questo dovrai impegnarti ad offrire ai tuoi clienti un’esperienza positiva, in modo che possano tornare più volte nel corso del tempo.

 

Utilizzano Internet in mobilità

Sia che stiano usando il loro smartphone per controllare Facebook, leggere le notizie o guardare video su YouTube, la Generazione X passa in media 110 minuti al giorno su dispositivi mobile. Insomma, non sono così vecchio stampo come si crede, per questo è importante prestare loro la stessa attenzione che si presterebbe rivolgendosi alle nuove generazioni.

Ecco alcuni consigli per fare digital marketing dedicato ai nati tra il 1965 ed il 1980:

  • assicurati che il tuo sito si carichi rapidamente sui dispositivi mobili, altrimenti le persone abbandoneranno;
  • verifica che ci sia una corretta User Experience;
  • crea un layout e dei testi facilmente consultabili da mobile;
  • assicurati che il tuo sito web sia mobile friendly;
  • controlla che il tuo sito web sia facilmente consultabile da tutte le tipologie di dispositivi.

 

Sono nostalgici

Big G, in collaborazione con YouTube, ha creato un sondaggio per comprendere cosa piace di più alla Generazione X.  A quanto pare, il tema comune era la nostalgia: agli appartenenti a questa generazione piace guardare video legati al passato, siano essi relativi ad eventi, persone oppure vecchi spot televisivi o musica.

Insomma, per fare breccia nel loro cuore non dovrai far altro che aggiungere quel tocco di nostalgia alla tua strategia, magari con creazione di video in vecchio stile e che in qualche modo richiamano il passato. Questo gli ricorderà quei momenti in cui erano più giovani e spensierati e aggiungere questo dettaglio alla tua content creation li farà sentire molto più ben disposti a compiere azioni nei confronti della tua azienda.

 

Il 54% dei consumatori della Generazione X si sente trascurato dalle aziende e dagli addetti al marketing

Tutti vogliono sapere come attirare i Millennials o la Generazione Z, spesso ignorando la Generazione X. Forse perché si tratta di una generazione numericamente inferiore, o forse perché i giovani sembrano essere più esperti in tecnologia e nuove piattaforme, ma questo non significa che la Generazione X non esista. È importante ricordare che gli individui che vi appartengono hanno un grande potere di acquisto e sono molto fedeli ai marchi, quindi non dimenticarli e crea dei messaggi personalizzati per loro. Dimostragli che stai parlando con loro (magari con il fattore nostalgia), falli sorridere, intrattienili e divertili: in fondo la Generazione X non è così diversa dalle altre e le statistiche che abbiamo condiviso oggi lo dimostrano.

Se utilizzerai questi suggerimenti per attirare questa fascia d’età, avrai la possibilità di ottenere clienti fedeli che si affezionano al tuo marchio, sia sui canali digitali, sia nei loro acquisti. Tienilo a mente quando andrai a creare il tuo piano editoriale!


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.


Potrebbe interessarti anche:

Summary
La Generazione X per il marketing: analisi del target per creare una strategia digitale
Article Name
La Generazione X per il marketing: analisi del target per creare una strategia digitale
Description
La Generazione X sembra non esistere più ai fini di marketing, invece esiste ancora ed ha un altissimo potere di acquisto. Anche se questa fascia di età predilige i media tradizionali è ben presente sul web: utilizza Google prima di compiere un acquisto, legge recensioni ed utilizza i social network, principalmente Facebook. Insomma, le statistiche ci parlano di una generazione che non si dovrebbe ignorare per diversi motivi.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo