Condividi

Quali sono le differenze ed in che percentuale un’azienda dovrebbe investire in Inbound o Outbound?

Inbound o Outbound? Ormai l’Inbound Marketing, e più nello specifico il content marketing, non è più un segreto per nessuno.
Quasi tutte le aziende, piccole o grandi che siano, hanno iniziato a curare molto la comunicazione sui social e ad avere un blog aziendale, con lo scopo di:

Attrarre nuovi clienti facendo si che siano questi a trovare l’azienda e non l’azienda a trovare il cliente.

Esatto è proprio questa la sottile enorme differenza che sta tra l’ Inbound Marketing e l’ Outbound Marketing.
Inbound Marketing: è il cliente che facendo delle ricerche nella rete, trova materiale dell’azienda e la contatta per ricevere i suoi servizi.
Outbound Marketing: l’azienda promuove i suoi contenuti raggiungendo direttamente il suo potenziale cliente, attraverso vari mezzi intrusivi quali cold calls, email, pubblicità in TV, banner pubblicitari, ecc ecc…

Ma quali sono i numeri di tali attività e soprattutto un’azienda quanto dovrebbe investire nell’ Inbound e quanto nell’ Outbound Marketing?

Probabilmente questa è una domanda da un milione di dollari e sicuramente dipende molto anche dal tipo di business e quindi dai clienti da raggiungere.

In molti si sono posti questa domanda e per chi volesse approfondire un’interessante infografica che risponde con numeri a questo quesito la potete trovare a questo link.

Secondo la mia esperienza entrambi richiedono uno sforzo elevato e costante; sia nel produrre contenuti (caso inbound), che nel contattare potenziali clienti (outbound). Nel primo caso si ha un ritorno a lungo termine, mentre nel secondo caso (outbound) un riscontro immediato.

L’ Inbound Marketing da ottimi risultati a lungo termine, con attività di Outbound Marketing invece si hanno riscontri immediati.

La sostanziale differenza è che se l’attività di Inbound Marketing viene fatta davvero bene, può portare enormi benefici nel tempo e quindi il costo dell’ effort cala sensibilmente e di conseguenza cala il costo di acquisizione per lead.

Inbound o Outbound Marketing, lead acquisition cost

Inbound vs Outbound Marketing lead acquisition cost

Al contrario nell’ Outbound Marketing questa curva praticamente non c’è. Nel tempo non si hanno grossi vantaggi e l’attività di vendita richiede un effort che è costante nel tempo e quindi il costo di acquisizione per lead non muta. Un’interessante analisi in termini di numeri l’ho trovata in una discussione su Quora dove si evince che:

… per chiudere 2–3 contratti al mese, bisogna contattare 2.000 potenziali clienti al mese.

Numeri impressionanti!

Quali sono le vostre opinioni a riguardo in base alla vostra esperienza?

Assumendo di avere un team marketing con competenze su entrambi i fronti, in che percentuale investireste su attività Inbound e quanto in Outbound?

Condividi