Si può organizzare un contest senza pratiche ministeriali?

 

La risposta più quotata nel mondo del digital marketing è il “dipende”. Anche per quanto riguarda i contest senza pratiche ministeriali, dipende dalla tipologia di concorso che si intende organizzare.

Il Ministero dello Sviluppo Economico prevede delle eccezioni che riguardano i concorsi a premi e, qualora il contest che intendete realizzare faccia parte delle esclusioni previste, potrete organizzarlo senza effettuare alcuna comunicazione.

Andiamo a vedere quali sono le eccezioni previste per le quali si può organizzare un contest senza pratiche ministeriali:

  • Concorsi modico valore: per tutti i contest senza vincolo di acquisto che prevedono uno o più premi in palio del singolo valore pari o inferiore ad Euro 25,82;
  • Opere artistiche, scientifiche o letterarie: ovvero tutti quei concorsi senza fine promozionale/commerciale in cui il premio fornito è simbolico, come l’esposizione del progetto in una mostra;
  • Manifestazioni a premio a scopo benefico: tutti quei concorsi che destinano la vincita ad enti ed istituzioni pubbliche;
  • Concorsi emittenti radio: contest senza fini promozionali e trasmessi in diretta da un’emittente radiofonica.

In queste quattro particolari eccezioni è quindi possibile svolgere il concorso a premi senza effettuare la trafila burocratica richiesta dal Ministero dello Sviluppo Economico con il DPR 430/2001. Qualora il concorso a premi che si intende lanciare non facesse parte delle eccezioni sopra indicate, è necessario seguire tutti gli step richiesti dalla normativa italiana sui concorsi a premi.

4 idee vincenti di contest senza pratiche ministeriali

Per ogni eccezione prevista dalla normativa italiana, ecco 4 esempi di contest senza pratiche ministeriali che potrete applicare al vostro business.

1. Concorsi modico valore

Questa tipologia di concorsi è, forse, la più famosa ed utilizzata dalle aziende che si avvicinano al mondo dei social contest.

Poiché fa parte delle eccezioni normative, in realtà, non è nemmeno un concorso a premi vero e proprio e non deve sottostare alle regolamentazioni previste. Non è raro imbattersi in questo tipo di contest svolti direttamente sui social network ma, per ottenere risultati concreti e misurabili, è sempre consigliata una piattaforma esterna per lo svolgimento del concorso stesso.

Un’idea vincente per la creazione di concorsi modico valore è quello di creare un giveaway senza vincolo di acquisto con in palio uno o più premi in linea con il brand, quindi prodotti o servizi che abbiano un valore di mercato pari o inferiore ai 25,82 Euro ma che siano realmente utili per il potenziale partecipante. La messa in palio di semplici gadget brandizzati non è sufficiente per ottenere riscontri concreti.

In pratica, pensiamo ad un e-commerce che vende prodotti dedicati alla cura del corpo: in questo caso si potrebbe pensare di mettere in palio diversi prodotti appartenenti alla propria linea di vendita ma sempre slegando il contest dal vincolo di acquisto.

Lo stesso concetto può essere applicato anche a negozi che hanno un business più legato al mondo offline: un parrucchiere che possiede una fan base già alimentata, potrebbe lanciare un contest utile a vincere un trattamento ai capelli che abbia un valore inferiore ai 25 Euro.

2. Opere artistiche, scientifiche o letterarie

Di questa categoria fanno parte ad esempio tutti quei contest utili alla creazione di opere culturali.

I premi in palio si configureranno a seconda della tipologia scelta come corrispettivo di prestazione d’opera o  riconoscimento del merito personale o titolo di incoraggiamento nell’interesse della collettività.

Ci sono diversi esempi di contest senza pratiche ministeriali: si può pensare ad esempio al lancio di un concorso letterario, quindi la creazione di brevi racconti da parte dei partecipanti che poi verranno inseriti in una raccolta da destinare gratuitamente alla collettività.

Per tutte queste tipologie di iniziative va comunque prestata molta attenzione alla finalità con la quale vengono indette,  innanzitutto la partecipazione non deve implicare il preventivo acquisto di un bene o di un servizio prodotto e/o venduto dal soggetto che le promuove e sussistere una continuità fra la tematica dell’iniziativa e l’azienda.

3. Manifestazioni a premio con scopi benefici

Sono concorsi a premi di questo tipo tutti quelli che destinano le vincite ad enti ed istituzioni pubbliche.

Questo tipo di contest senza pratiche ministeriali non sono molto frequenti, ma si può pensare di prendere spunto da una case study abbastanza recente promossa da Lindt.

Per un numero limitato di prodotti (nel caso specifico di Lindt era il coniglietto di cioccolata) si può inserire un codice specifico sulla confezione da inserire poi in un form sul sito internet destinato al concorso. Il montepremi messo in palio per i vincitori dovrà poi essere destinato ad opere sociali utili per enti pubblici o istituzioni, come ristrutturazioni o creazione di opere utili al sociale e alla comunità.

4. Emittenti radio

Se avete un’emittente radio potete creare un contest senza pratiche ministeriali purché esso non abbia fini promozionali per iniziative, prodotti o servizi offerti da altre società. Un’idea vincente è quella di creare un contest in diretta radiofonica (che abbia inizio e conclusione all’interno di una stessa trasmissione) che offra un premio che sia strettamente collegato alla stessa emittente. Ad esempio, si può pensare di creare una sorta di gioco in cui al vincitore venga offerta una giornata in radio per conoscere da vicino i propri beniamini e per comprendere come funziona il mondo delle emittenti radiofoniche.

Conclusioni

All’interno di questo articolo vi abbiamo fornito qualche piccola idea per usufruire delle eccezioni in materia di concorsi a premi online regolamentate dal Ministero dello Sviluppo Economico. Si possono creare contest senza pratiche ministeriali di successo, anche senza mettere in palio premi di valore economico alto per i partecipanti.

L’importante è avere un’idea creativa e far sentire i potenziali partecipanti parte integrante di una community, cosa fondamentale in tutti i concorsi di successo.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!


Potrebbe interessarti anche:

Summary
Contest senza pratiche ministeriali: 4 idee vincenti
Article Name
Contest senza pratiche ministeriali: 4 idee vincenti
Description
È possibile organizzare dei concorsi a premi online senza autorizzazione ministeriale? Ecco 4 idee di contest senza pratiche ministeriali
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo