Il software di estrazione dei vincitori per un contest Giveaway deve essere a norma di legge. Ecco cosa dice la normativa

 

Nell’ambito dei contest online i Giveaway sono percepiti come iniziative “rapide” e “semplici”. Questa concezione, a tratti ingannevole, produce come risultato che spesso non sono trattati con la dovuta attenzione e non viene analizzato se debbano o meno sottostare alla normativa vigente in materia di manifestazioni a premi.

Il Giveaway come concorso a premi

Se si attiva un Giveaway – senza vincolo di acquisto – che preveda l’assegnazione di un numero determinato di omaggi, con valore del singolo premio superiore a 25,82 Eurola manifestazione deve necessariamente essere trattata come un canonico concorso a premi.

In tal caso andrà quindi applicato tutto l’iter di attivazione della pratica ministeriale.

In particolare un aspetto che si tende a non monitorare o comunque a dimenticare per i concorsi a premi è la necessità che il server di gestione e raccolta dei dati degli utenti partecipanti debba necessariamente essere sito in Italia o, se sito su estero, venga richiesta l’attivazione di un mirroring in grado di “specchiare” i dati degli utenti su di un ulteriore server sito in Italia.

Questo aspetto è stato esplicitato nelle Faq di marzo 2017 pubblicate sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico ed in particolare l’argomento è trattato nella Faq n. 6 che cita:

Se l’impresa (estera o ubicata in Italia) si avvale di un server allocato all’estero è necessario che sia utilizzato un servizio di mirroring o analogo che replichi i dati di partecipazione e di gioco in tempo reale. In tal caso, tuttavia, non sono consentite partecipazioni dall’estero, mentre se il server su cui confluiscono i dati di partecipazione (come ad esempio l’acquisto del prodotto promozionato) e di gioco è ubicato in territorio italiano, la partecipazione potrà avvenire anche dal resto del mondo.

Per i Giveaway si rende però necessaria una ulteriore specifica in quanto, a questa tipologia di contest, è spesso abbinata una modalità di assegnazione dei premi di tipo immediato e “rapido” che spinga gli utenti ad una “corsa ai premi”, come avviene per i concorsi a premi a tipologia Rush and Win e Instant Win.

In sintesi i Rush and Win prevedono che solo i primi utenti che effettuano una determinata azione siano premiati, mentre gli Instant Win attribuiscono un numero determinato di premi in modalità immediata in base ad un apposito software di assegnazione dei premi che attribuirà randomicamente le vincite durante l’intero periodo concorsuale.

La centralità del software di gestione

In entrambe queste meccaniche pertanto la centralità è da attribuire al software di gestione che determinerà l’assegnazione delle vincite. Si rende pertanto necessario citare la Faq n.7, sempre di marzo 2017, che dettaglia e rettifica parzialmente quanto indicato nella Faq n.6 sopra citata.

La Faq n.7 infatti specifica che nel caso in cui “le fasi eliminatorie e le operazioni di individuazione dei vincitori/assegnazioni premi” vengano effettuate attraverso un software, queste “devono necessariamente avvenire su server allocato in Italia. In via esemplificativa deve essere allocato in territorio nazionale il software che permette di gestire sistemi di preferenza, sistemi randomici di individuazione, sistemi di interazione tra utenti, sistemi che sfruttano abilità di gioco…”

Da questo ne consegue che il server relativo ad un Giveaway a tipologia Instant Win deve necessariamente risiedere in Italia e non è consentito il mirroring dei dati da server estero. L’assegnazione delle vincite dovrà quindi essere effettuata sul nostro territorio nazionale, in quanto dovrà sussistere contestualità tra la partecipazione e il risultato di vincita o non vincita.

Le società che indicono una manifestazione a premi non devono pertanto dimenticare che, se il sistema informatico abbinato al contest è determinante nell’assegnazione delle vincite, andranno analizzati e verificati tutti questi aspetti e andrà altresì necessariamente redatta una apposita perizia tecnica dalla società che ha sviluppato il sistema che ne attesti la regolarità e la sua non manomettibilità.

Come si evince, anche un concorso apparentemente “semplice” come il Giveaway nasconde molte sfaccettature, rendendo necessaria una corretta valutazione della meccanica e della fattibilità dell’iniziativa che si intende avviare; pertanto conviene in ogni caso affidarsi ad aziende che si occupano della materia e a una piattaforma come Leevia i cui server sono in Italia, così da poter sviluppare in totale libertà qualsiasi tipo di meccanica premiale.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.


Potrebbe interessarti anche:


Summary
Giveaway: quali le caratteristiche del software di estrazione?
Article Name
Giveaway: quali le caratteristiche del software di estrazione?
Description
Se un Giveaway ha dei premi dal valore superiore ai 25,82 euro si configura come un concorso a premi tradizionale, che deve quindi rispettare la normativa. Quali sono le specifiche che il software di estrazione dei premi deve avere?
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo