Condividi

Guida ai concorsi via SMS, come creare un concorso a premio utilizzando la messaggistica

I concorsi via SMS, nonostante WhatsApp abbia quasi completamente soppiantato i cosiddetti “messaggini”, sono ancora molto popolari in Italia e nel mondo.

Il loro vantaggio maggiore, rispetto ad un contest online tradizionale, è sicuramente la possibilità di arrivare a tutti, anche a quella fetta di utenza che ha poca familiarità con internet e i nuovi media, ovvero quel pubblico di età avanzata e che poco utilizza il web e le sue risorse.

Ma scopriamo di più sui concorsi a premi via SMS, analizzando i vantaggi e la normativa italiana in materia.

Cosa sono i concorsi via SMS

I concorsi a premio con SMS possono avere meccaniche di gioco molto differenti tra loro.

Tra le più utilizzate troviamo la richiesta di inviare un messaggio ad un numero specifico come requisito di accesso al concorso.

Tale meccanica di gioco è molto utilizzata dal brand Heineken, che ha oggi all’attivo molti concorsi a premio di questo tipo. Il più recente, al momento in cui scriviamo, risale ad agosto 2021. La richiesta, molto semplice, prevedeva l’acquisto di almeno 4 euro di prodotti a marchio Heineken o Heineken zero con scontrino parlante. I dati della ricevuta dovevano poi essere inviati ad un numero di telefono dedicato per scoprire subito l’eventuale vincita di uno dei premi messi in palio.

Un modo molto interessante, come già detto sopra, per coinvolgere un target più alto a livello di età anagrafica.

Altro metodo molto utilizzato per i concorsi via SMS è l’invio di un messaggio al proprio database contatti per invitarli a giocare ad un contest su una landing page o app specifica.

Questa opzione è sicuramente preferita da chi già dispone del numero di telefono dei propri clienti / lead. WindTre, per esempio, molto spesso invita i suoi clienti a giocare ai contest del giorno sulla propria app e così anche Agos.

Infine, altra meccanica di gioco potrebbe essere quella di utilizzare gli SMS come recapito di coupon o codici sconto da spendere in punti vendita fisici o online, sia per tutti i partecipanti al concorso a mo’ di ringraziamento, sia come premio vero e proprio per un numero selezionato di vincitori.

I vantaggi di lanciare un contest SMS

Come abbiamo compreso, i concorsi via SMS possono essere di supporto a strategie digitali o legate alla vendita di prodotti specifici nei punti vendita. Si tratta quindi di un’iniziativa di marketing molto efficace al fine di coinvolgere i propri utenti in modo divertente, rendendo il tutto più allettante grazie alla promessa di uno o più premi messi in palio.

Tra i vantaggi di un concorso con SMS, quindi troviamo:

  • miglioramento delle vendite di un prodotto, purché all’utente sia richiesto l’acquisto come requisito di partecipazione;
  • creazione di un database di numeri di telefono, da utilizzare (con specifica autorizzazione) per campagne marketing via SMS;
  • aumento della brand awareness, quindi della notorietà del marchio;
  • fidelizzazione della propria clientela (strategia di loyalty).

Come lanciare un concorso via SMS in Italia: la normativa da conoscere

La normativa per i concorsi via SMS è la medesima che si applica ai contest online. In pratica, sono richiesti 4 step specifici per lanciare un concorso a premio con SMS:

  1. redazione di un regolamento di concorso;
  2. versamento di una cauzione a garanzia dei premi promessi, in genere mediante fidejussione assicurativa;
  3. comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico entro 15 giorni dal lancio del concorso, tramite procedura online;
  4. convocazione di un notaio o funzionario della Camera di Commercio competente sul territorio per la redazione dei verbali di chiusura del concorso.

La gestione delle pratiche burocratiche deve essere svolta dal soggetto promotore, ovvero l’azienda che organizza il concorso. In alternativa, è possibile per il soggetto promotore incaricare un soggetto delegato che si prende così carico di tutti gli adempimenti richiesti dalla normativa.

Organizzando un contest con noi di Leevia potrai usufruire anche di questo servizio, così da concentrarti completamente solo sulla creatività del tuo concorso via SMS.

Concorsi via SMS e GDPR: la privacy degli utenti

Nei concorsi via SMS, ma in realtà nei contest in generale, è bene prestare molta attenzione alla privacy degli utenti.

Il GDPR, entrato in vigore il 25 maggio 2018 in Europa, è quel Regolamento che si rivolge al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali e al trattamento non automatizzato di dati personali contenuti in un archivio o destinati a figurarvi.

Con l’introduzione di questa nuova legge sulla privacy sono arrivate delle regole più chiare sulle informative e i consensi, stabilendo dei limiti al trattamento automatizzato dei dati personali.

Poiché il numero di telefono rientra nei dati personali, il lancio di un concorso via SMS deve rispettare il GDPR. In caso contrario, l’azienda può incappare in sanzioni anche molto salate.

Anche in questo caso, però, utilizzando Leevia per il tuo contest non dovrai preoccuparti di nulla. Tutti i nostri prodotti sono conformi alle attuali normative vigenti in termini di trattamento dati e privacy degli utenti.


Desideri lanciare un concorso via SMS per fidelizzare i tuoi utenti?

Riassunto
Concorsi via SMS: cosa sono e come si fanno in Italia
Titolo Articolo
Concorsi via SMS: cosa sono e come si fanno in Italia
Descrizione
Guida ai concorsi via SMS. Ecco cosa sono, come organizzarli e quali norme rispettare per evitare di incappare in sanzioni da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.
Autore
Editore
Leevia
Logo Editore
Condividi