Quando si associano premi e concorsi spesso si pensa di dover semplicemente mettere in campo qualcosa di memorabile, o quanto meno di apprezzabile, dimenticando spesso gli obiettivi e le azioni corrette per raggiungerli.

A partire dalla scelta del tipo di contest (fotocontest, giveaway, quiz, etc.), dalla meccanica di partecipazione e dai premi che si mettono in palio, dovrebbe essere tutto pianificato tenendo a mente due cose: gli obiettivi.

Esistono infatti alcune tipologie di contest più adatte alla lead generation, altre che garantiscono una viralità sui Social più alta, altre ancora che possono aiutare un brand giovane a farsi conoscere.

Ma un contest, di per sé, non garantisce nulla, se non viene pianificato correttamente e promosso nel modo giusto, attraverso i canali giusti.

Vediamo quindi come possiamo utilizzare un contest per raggiungere i nostri obiettivi.

 

Concorsi a premio per ottenere Like su Facebook o Instagram

A questo punto devo fare una doverosa premessa.

Domandatevi davvero a cosa vi servono i like.

Mettiamola così: se la vostra idea è quella di inserire un contest all’interno di una più ampia strategia di Social Media Marketing, al fine di ingaggiare la vostra fanbase e aumentare la retention o acquisire nuovi clienti, allora proseguite la lettura di questo post.

Se invece pensate di organizzare un contest online solo per aumentare quel numerino sulla vostra pagina Facebook (o Instagram), vi consiglio di leggere questo post, e poi anche questo.

In alternativa, potete fidarvi di me e investire il budget in una campagna per acquisire fan su Facebook Ads, sapendo che non vi porterà assolutamente nessun vantaggio concreto.

Detto questo, esistono due tipologie di Contest che possono giovare alle vostre attività di SMM e allo stesso tempo trarre vantaggio da esse: i foto contest e i video contest.

L’utilizzo delle immagini (e soprattutto dei video) è un’ottima strategia per aumentare la diffusione del vostro contest sui Social, soprattutto se si incentivano gli utenti a condividerle per chiedere agli amici di votarle.

Funziona così: l’utente carica una foto, la condivide sui social, chiede alla propria cerchia di votarla. L’utente con più voti vince.

La meccanica stessa di questa tipologia di concorsi a premio, quindi, si adatta particolarmente a diventare virale.

Utilizzando una piattaforma come Leevia, alla fine del contest avrete ottenuto un database profilato con tutti i partecipanti e i votanti, inoltre potrete analizzare tutte le condivisioni sui social, individuare gli influencer e analizzare la portata social del contest.

 

Concorsi a premio per la lead generation

Premesso che tutti i contest fatti utilizzando la piattaforma Leevia consentono di fare lead generation, in questo caso la forma più semplice e diffusa è quella dell’Instant Win, che si può declinare con tre modalità differenti:

I premi possono essere molti e di poco valore, tipicamente dei gadget (se si riesce a restare sotto ai 25€ non vi è nemmeno l’obbligo di avviare le pratiche ministeriali), oppure pochi di valore più alto, oppure un mix delle due cose. Vengono assegnati in modo diverso a seconda della modalità scelta.

In questo caso la lead generation è particolarmente fruttuosa, perché all’utente non viene chiesto nient’altro che di compilare un form, arricchito ovviamente con tutti i campi utili all’azienda per la profilazione. Il form sarà semplicemente inserito in una landing page apposita o all’interno di qualsiasi pagina del sito/blog dell’azienda.

 

Concorsi a premio per Brand Awareness

Anche in questo caso possiamo dire che, se studiato con le giuste modalità e promosso adeguatamente, qualsiasi contest online può essere utile a migliorare la conoscenza di un brand.

Esiste però una particolare modalità che, oltre a risultare molto virale, aiuta a veicolare l’immagine del brand con forme creative e spesso ben riuscite: il Contest Foto Frame.

In questo caso l’utente scatta una foto e può, in fase di caricamento, applicarvi sopra overlay, cornici o altri elementi che richiamino la brand image o una campagna pubblicitaria in corso, con possibilità praticamente infinite di creatività.

Questa possibilità porta due vantaggi evidenti: il primo è quello di stimolare la creatività degli utenti, aiutandoli a creare immagini d’impatto che, quando condivise per ottenere voti, genereranno maggior viralità; il secondo è che, utilizzando i giusti overlay, si potrà veicolare meglio l’immagine del brand, soprattutto sui Social.

 

Come scegliere i premi

Contrariamente a quanto si pensa, non è necessario che i premi in palio siano prodotti/servizi dell’azienda che ha indetto il concorso. Devranno però essere pertinenti e in linea con il target.

Ne avevamo già parlato in questo post, approfondendo la questione anche nel nostro primo ebook.

Il premio deve stimolare il target di riferimento e creare un desiderio irresistibile, ma anche essere in linea con il brand, rispondere agli stessi valori, e rispondere alla stessa domanda.

Se siete un brand che produce saponette, non ha molto senso mettere in palio l’ultimo modello di iPhone, ma, evidentemente, nemmeno una saponetta. Potreste quindi cercare di creare delle associazioni tra i valori del brand, il prodotto, e un premio che, agli occhi del suo target, sia irresistibile.

Ad esempio, se le vostre saponette fossero conosciute per il profumo di lavanda, potreste mettere in palio un viaggio in Provenza, con una visita ai campi di lavanda in fiore e un’esperienza unica in una beauty farm. Molto più attraente di una fornitura di saponette, non trovate?

Le cose da tenere a mente, quindi, sono sostanzialmente tre:

  • Il premio deve suscitare un desiderio irresistibile nel vostro target;
  • Il premio deve essere in linea con i valori del brand;
  • Il premio deve essere in linea con il prodotto (o i prodotti).

Come detto qui sopra, però, anche il tipo di concorso influisce sul tipo di premio. Come regola generale potremmo dire che il valore percepito del premio deve essere proporzionale allo sforzo che si chiede all’utente per partecipare al concorso.

Compilare un form lasciando nome e email, oppure realizzare un video per partecipare ad un video contest sono due azioni molto diverse e richiedono un impegno diverso. Ecco perché nei giveaway, dove di solito i premi sono di poco valore (ma sono molti), si chiede semplicemente di lasciare i dati.

Un altro fattore che influenza la scelta del premio è l’autority del brand. Tanto più il brand è giovane (e quindi ancora poco conosciuto), tanto meno gli utenti saranno propensi a partecipare e, di conseguenza, per convincerli a partecipare, il premio dovrà essere maggiormente attrattivo.

Per concludere, un cenno deve essere riservato alla promozione. Il modo in cui viene promosso il concorso, i canali scelti, il tone of voice, lo storytelling, la creatività, il targeting. Tutti questi fattori influenzano la risposta dei possibili partecipanti.


Insomma, quello dei premi e concorsi è un argomento complesso, ma noi di Leevia possiamo aiutarti durante tutto il processo. Se vuoi parlarne con noi:

Prenota una call ▸

Potrebbe interessarti anche:


Summary
Premi e concorsi: come scegliere quelli giusti
Article Name
Premi e concorsi: come scegliere quelli giusti
Description
Quando si associano premi e concorsi spesso si pensa di dover semplicemente mettere in campo qualcosa di memorabile, o quanto meno di apprezzabile, dimenticando spesso gli obiettivi e le azioni corrette per raggiungerli. A partire dalla scelta del tipo di contest, dalla meccanica di partecipazione e dai premi che si mettono in palio, dovrebbe essere tutto pianificato tenendo a mente due cose: i KPI e gli obiettivi. In questo articolo cerchiamo di fare un po' di chiarezza.
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo