Quando decidi di investire sulla Lead Generation non puoi ignorare questo punto. Devi trovare nuovi contatti, e per farlo hai bisogno di attirare l’attenzione. Magari con un lead magnet.

 

Una delle certezze di questo mondo riguarda l’email marketing: se hai una buona lista di contatti, segmentata e targettizzata, puoi dormire sonni tranquilli. Gli algoritmi di Google cambiano, la visibilità di Facebook diminuisce ma i contatti restano nella lista e li puoi raggiungere sempre. Ma per godere del risultato hai bisogno di un lead magnet, un elemento capace di attirare l’attenzione giusta.

Una buona strategia di email marketing non può ignorare questo punto. Perché attraverso un buon lead magnet puoi aumentare gli iscritti alla newsletter e al tuo progetto che porterà il contatto in un circuito di messaggi capaci di trasformare il lead in cliente. Fantastico, vero? Non è facile ma il primo passo è questo: ottenere l’email delle persone giuste. E per farlo devi iniziare il prossimo paragrafo.

Da leggere: come generare contatti nel B2B con LinkedIn

Cos’è e a cosa serve un lead magnet: definizione

Questo è un elemento che viene usato, all’interno di un processo dedicato più complesso, per spingere le persone a lasciare i contatti. Ad esempio indirizzi validi da raggiungere, in un secondo momento, con i vari programmi per fare email marketing. In altre parole il lead magnet è un meccanismo, capace di contenere un benefit, per attirare i potenziali clienti verso l’azienda.

Nella maggior parte dei casi il lead magnet è un dono, o comunque un elemento vantaggioso per le persone che vuoi raggiungere. Ad esempio puoi usare il classico ebook da scaricare dopo aver lasciato un riferimento utili. Come la solita email che funziona sempre molto bene. Però ci possono essere soluzioni differenti che rispecchiano più obiettivi per target specifici.

Come ottimizzare il messaggio con l’audience

Per funzionare al meglio il lead magnet deve essere pensato per intercettare un determinato pubblico. L’idea base è questa: l’offerta che uso per smuovere l’attenzione deve essere pensata per intercettare un’audience che sarà interessata a un prodotto. E la mia opera di content marketing per trasformare il lead in prospect e poi in customer (magari in ambassador) lavora in questa direzione. Senza sbavature.

Vuoi un esempio? Io vendo un corso di blogging online per chi muove i primi passi in questo mondo. Il processo di lead nurturing porta il singolo verso la consapevolezza e un costante approfondimento della materia. Fino a convincere il contatto, magari con uno sconto o un coupon per usare un SEO tool. Ma per intercettare il profilo giusto da inserire in questo funnel di vendita devi usare un magnet adeguato.

Se proponi una guida avanzata al blogging, con approfondimenti di Google Analytics e analisi SEO, rischi di attirare persone non interessate al prodotto che vuoi vendere. Quindi, il primo punto da sottolineare è questo: lead magnet adeguato per le persone che vuoi attirare e per il prodotto da vendere.

Ricorda le caratteristiche chiave di un lead magnet efficace: deve essere specifico, dedicato a un obiettivo capace di dare una gratificazione immediata. Per questo il copy da usare nelle inserzioni è centrale.

Idee per creare e promuovere un lead magnet

Chiaro, adesso vuoi sapere come avere un lead magnet efficace. Il primo esempio che ti posso portare è quello del pop-up. Molti siti web e blog aziendali usano questa soluzione per intercettare l’attenzione del pubblico e mettere in risalto un lavoro di content marketing adeguato alla situazione.

Attenzione, non devi invadere lo schermo e rendere impossibile la vita al lettore. Optinmonster, ad esempio, offre un ottimo servizio che dà la possibilità di impostare dei pop-up capaci di apparire solo quando l’utente sta per chiudere la schermata del browser. Limitando il fastidio di un’interruzione pubblicitaria. Così come puoi inserire dei banner nella sidebar e nel corpo dei vari articoli.

Con la giusta attenzione puoi ottenere buoni risultati senza perdere lettori e utenti. Molto interessante la possibilità di creare una landing specifica per questo scopo. Vale a dire una squeeze page, una risorsa dedicata solo alla raccolta di contatti utili per il tuo scopo. In questo modo hai a disposizione tutto lo spazio necessario per inserire il form, testo descrittivo e immagini o video che spiegano l’offerta.

Cosa regalare al pubblico? Esempi pratici

Il primo esempio di lead magnet può essere il già citato libro digitale, una guida più o meno approfondita, per affrontare un determinato argomento. Come creare un ebook efficace? In primo luogo ti consiglio di evitare il classico copia e incolla di post già pubblicati: devi dare qualcosa di utile alle persone che scelgono il tuo operato. Inoltre puoi presentare il lavoro al meglio, con una copertina interessante.

Altro elemento che puoi usare per il tuo progetto di lead magnet: documenti di lavoro e altri tool per migliorare l’attività di chi ti segue. Ad esempio puoi proporre il download di un template per calendario editoriale social. Oppure proponi di scaricare un modello di fattura per i freelance.

Insomma, questa è l’idea da seguire: aiuta le persone a raggiungere risultati. E non aver paura di donare qualcosa di utile.

Puoi andare oltre e pensare di regalare dei video corsi, o almeno le prime lezioni. Quelle introduttive che consentono alle persone di avere un’idea chiara del lavoro svolto. E ancora, perché non puntare su coupon, sconti e versioni trial di un tool? Questi sono lead magnet protesi verso la vendita. Un passo avanti rispetto alle fasi precedenti, che però dovrebbero essere supportate da un lavoro di lead nurturing.

Prima spiego perché questo tool è utile, poi invio una soluzione per ottenere uno sconto o una versione gratuita. Infine lascio dei documenti che aiutano a usarlo e a migliorarne le prestazioni. Non lasciare che sia il caso a guidare il tuo lead magnet. Il successo della tua campagna è dato da un lavoro pianificato e in grado di riflettere su quelle che sono le dinamiche anche in termini di marketing automation.

Per approfondire: sfrutta la pubblicità su Facebook per trovare clienti

Tu hai già individuato la strategia di lead generation?

Lavorare sul lead magnet non è semplice perché è il perno della tua attività. Se riesci a ottimizzare questo passaggio, infatti, puoi portare persone interessate al tuo lavoro verso un percorso definito. Hai già individuato una strategia di lead nurturing valida, adesso devi solo trovare le persone da raggiungere e contattare. Tu stai lavorando nella direzione giusta? Lascia la tua opinione nei commenti.

 


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Il titolare del trattamento dei dati personali è Leevia S.r.l. ai sensi della presente Informativa privacy.

Voglio ricevere la Newsletter di Leevia S.r.l., a mezzo e-mail, anche mediante profilazione, come specificatamente indicato nell’Informativa privacy. Accetto i termini d'uso, incluso l'utilizzo dei cookie.


Potrebbe interessarti anche:


Summary
Cos'è un Lead Magnet? (e perché è importante)
Article Name
Cos'è un Lead Magnet? (e perché è importante)
Description
Lead Magnet ed email marketing: come fare in modo che i contatti crescano attraverso una buona strategia che incentivi all'iscrizione
Author
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo