Come creare il giusto contest su Facebook?

 

Oggi abbiamo deciso di parlarvi nello specifico di contest su Facebook. Come si crea il concorso giusto? Quale tipologia scegliere, quali sono le regole dei concorsi online che si applicano a questa categoria di contest? Come analizzare il successo di un contest?

Prima di partire: ricordatevi che i concorsi online realizzati ESCLUSIVAMENTE su Facebook non rispettano quanto richiesto dalla normativa italiana e vanno spesso contro lo stesso regolamento di Facebook. Creare un contest online su Facebook senza le giuste accortezze potrebbe costarvi, quindi, una multa salata e la rimozione della vostra Pagina, ne avevamo già parlato anche in questo post sui GiveAways.

Indice dei contenuti:
Primo passo: stabilire gli obiettivi
Secondo passo: individuare il tipo di contest su Facebook più adatto
Terzo passo: essere in regola con le leggi italiane e con le norme di Facebook
Quarto passo: scegliere il premio giusto
Quinto passo: scegliere una piattaforma per il contest
Sesto Passo: integrare correttamente Facebook all’interno del contest online
Settimo passo: promuovere il contest su Facebook
Ottavo ed ultimo passo: analizzare i risultati

Primo passo: stabilire gli obiettivi

Prima di iniziare dovete analizzare quali sono i vostri obiettivi, è un passo importantissimo, perché grazie ad una buona analisi potrete capire anche quale tipologia di contest è quella più adatta alle vostre esigenze e avrete dei punti di riferimento per effettuare l’analisi dei risultati una volta terminato il vostro Contest su Facebook.

Uno di questi obiettivi può essere:

  • Creare brand awareness;
  • Individuare nuovi lead;
  • Lanciare un nuovo prodotto o un evento;
  • Ottenere User Genereted Content per la nostra presenza sul web e sui Social;
  • Avere un feedback su nuovi prodotti in fase di lancio o su nuovi tipologie di prodotti da esplorare.

 

Secondo passo: individuare il tipo di contest su Facebook più adatto

Deciso l’obiettivo da ottenere dal concorso online, dovrete scegliere la tipologia di contest da realizzare. Ogni tipologia infatti risponde ad una necessità diversa e comporta anche dei risultati diversi. Le tipologie sono:

  • Foto contest/video contest: è una tipologia che richiede molto lavoro organizzativo e gestionale, ma con la quale si possono ottenere ottimi risultati su tutti i fronti, in particolar modo sulla lead generation e sull’ottenimento di User Genereted Content.
    Modalità di realizzazione: chiedere al target di caricare una propria foto su un tema specifico per partecipare al concorso e poter vincere il premio.
  • Sondaggio/Quiz/Pronostico: è una tipologia più immediata e semplice rispetto al foto contest, con il quale potete puntare ad una partecipazione più “emotiva” per il vostro target e che quindi necessita di meno costi di attivazione. È una tipologia ottima per fare brand awareness e per lanciare o avere feedback su nuovi prodotti.
    Modalità di realizzazione:
    il target risponde al sondaggio/pronostico/quiz per cercare di vincere un premio ad estrazione.
  • Rush and Win/Insta Win/Coupon: è una tipologia ancora più immediata, perché non viene richiesto neppure di rispondere a delle domande, ma solo di lasciare la propria mail per avere la possibilità di vincere un premio o uno sconto. Solitamente al termine è prevista anche l’estrazione di uno o più premi. Ottima modalità per ottenere nuovi lead interessati al prodotto o per generare loyalty verso i clienti più fedeli, che saranno i primi a conoscere il contest e quindi coloro i quali avranno le più alte probabilità di vincita.
    Modalità di realizzazione: l’utente giunge su una landing page dove, lasciando la propria mail, ha la possibilità di vincere un premio, fino ad esaurimento scorte.

 

Terzo passo: essere in regola con le leggi italiane e con le norme di Facebook

Questa è forse la parte cui prestare maggior attenzione, perché può portare a dei risvolti poco piacevoli: multe salate o pagine Facebook chiuse.

Perché un contest su Facebook sia a norma di legge dovrete:

  1. Comunicare al Ministero dello Sviluppo Economico l’intenzione di creare un concorso a premi, almeno 15 giorni prima dalla partenza, inviando per via telematica il regolamento dello stesso (tramite impresainungiorno.gov.it e la vostra firma digitale);
  2. Versare la caparra al Ministero (tramite deposito o fidejussione) pari al valore totale del montepremi;
  3. Procedere a redigere il verbale di assegnazione premi alla presenza di un notaio o di un funzionario della Camera di Commercio;
  4. Inviare telematicamente il verbale al Ministero, che provvederà, passati 180 giorni, a sbloccare il deposito o la fidejussione (sempre tramite impresainungiorno.gov.it).

Inoltre – ed è molto importante che ne teniate conto – tutti i dati sensibili (nome utenti, e-mail, etc) che raccoglierete tramite il vostro contest su Facebook, dovranno essere obbligatoriamente immagazzinati su server italiani, ovvero con residenza fisica sul suolo italiano.

Di conseguenza un contest online non può esere attivato direttamente su Facebook!

Per un approfondimento sulla materia legale vi consigliamo di leggere questo post.

Perché un contest sia a norma con il regolamento di Facebook, invece, dovrete evitare di fare in modo che sia obbligatorio per i vostri utenti mettere il like e/o condividere il post sulla propria bacheca o (peggio ancora) sulla bacheca di altri propri amici.

Questa procedura è vietatissima da Facebook e potrebbe comportare la rimozione totale della vostra pagina.

“Mettete il like e condividete per partecipare” è una procedura vietata dal regolamento di Facebook. Farlo potrebbe comportare la chiusura della propria pagina Facebook.

Anche in questo caso vi consigliamo per approfondire un nostro articolo in cui indichiamo nello specifico il regolamento Facebook che viene applicato ai contest.

 

Quarto passo: scegliere il premio giusto

Scegliete il premio più adatto al target a cui vi rivolgete, tenendo conto anche della Brand identity. Questo è fondamentale per essere certi di ottenere dei lead qualificati, che siano realmente interessati al prodotto che promuovete e che poi possano essere ri-contattati per altre iniziative di marketing. Se quindi siete nel turismo o nei viaggi pensate ad un regalo in linea, come a guide, valigie, o sconti su voli o alberghi.

Inoltre la tipologia del premio deve essere coerente anche rispetto al costo di attivazione per il vostro utente: se chiedete di scattare una foto con un tema specifico e di caricarla per vincere un premio state chiedendo uno sforzo che deve essere ripagato con la possibilità di vincere un premio consistente.

Nel caso invece di contest su Facebook più semplici, il cui costo di attivazione per l’utente è più basso, potete pensare a premi di importo inferiore. Leggi anche: le tre P fondamentali per il successo di un contest online.

 

Quinto passo: scegliere una piattaforma per il contest

Come abbiamo ricordato poco sopra, i concorsi a premi su Facebook devono sottostare alle leggi italiane e alle norme di Facebook stesso, quindi dovete impostare il vostro concorso in modo che:

  1. Tutti i dati che raccoglierete, anche attraverso il social login di Facebook, siano poi salvati su server italiani;
  2. Il meccanismo del concorso NON sia basato sul like+condividi, questo perché contrario al regolamento di Facebook ma anche perché così facendo non otterreste nessun nuovo lead, né nessun reale beneficio dal concorso a premi.

Per fare questo dovrete servirvi di un servizio esterno a Facebook, che vi possa generare una landing page esterna ed integrata al vostro sito o che possa essere integrata all’interno di una tab della vostra pagina Facebook. Questo servizio deve avere la possibilità di utilizzare il Social Login di Facebook per registrare l’utente. In questo modo potrete sfruttare Facebook per creare viralità per il vostro concorso online ma in modo assolutamente legale.

 

Sesto Passo: integrare correttamente Facebook all’interno del contest online

Fare in modo che il proprio contest sia integrato con Facebook non è solo un espediente per aumentarne la visibilità, ma può essere anche un fattore che ne semplifica l’accesso. Grazie infatti alla possibilità del Social Login l’utente può registrarsi con il proprio account social, in modo molto più semplice e veloce rispetto al compilare una scheda in cui inserire tutti i propri dati.

In questo modo, peraltro, avrete la possibilità non solo di profilare l’utente e ricevere la sua mail, come in un form di registrazione “classico”, ma anche di conoscerne abitudini, interessi e altre informazioni utili alla profilazione.

Le API (Application Programming Interface) sono procedure di programmazione che vengono rilasciate dalle piattaforme social che possono essere utilizzate per inserire in un sito web delle funzioni che si interfacciano con queste piattaforme. Una delle funzioni principali per cui potete sfruttare le API dei social network è proprio quella relativa alla possibilità di utilizzarle per “dialogare” con i loro server e ottenere l’autenticazione di un utente attraverso le credenziali già salvate sui social.

Dove trovate queste API e le istruzioni per usarle? Semplice, sui siti stessi, di solito nella sezione per developer. Le API si dividono rispetto a quello che volete fare e alla piattaforma che volete utilizzare (app o web), sono ottimamente spiegate e l’unica cosa che vi è richiesta è che sappiate leggere e programmare il codice (Javascript se restiamo su piattaforma web, linguaggi nativi invece per quanto riguarda le app).

https://www.instagram.com/developer/

https://dev.twitter.com/

https://developers.facebook.com/

Se avete un sito web che si basa su una fra le più popolari piattaforme di CMS (WordPress, Drupal, Joomla e altre) potete sfruttare qualche plug-in già sviluppato per inserire il login sul vostro sito.

Permessi e condivisioni

Individuata la modalità che vi permette di inserire sui vostri siti che ospiteranno il contest la possibilità per i vostri partecipanti di loggarsi e registrarsi tramite l’account Facebook, dobbiamo soffermarci sui permessi che dovete richiedere agli utenti per fare in modo che gli elementi del contest, oltre che essere inseriti sul sito, siano anche automaticamente condivisi sui loro profili social.

Questo è un elemento essenziale per fare in modo di sfruttare appieno l’integrazione con i social. Tuttavia è anche un passaggio molto delicato, in quanto andrete a chiedere ai vostri utenti un permesso di questo tipo:

Contest su facebook - Developer

Per cui l’utente dovrà accettare di “darvi” le sue informazioni e anche di postare sui social a nome vostro.

È una autorizzazione molto delicata quindi siate trasparenti sul perché state richiedendo questo tipo di autorizzazione in modo da non precludere la partecipazione agli utenti più esigenti in fatto di privacy.

 

Settimo passo: promuovere il contest su Facebook

Abbiamo visto che non è possibile realizzare in toto il concorso online su Facebook e che l’unico modo è utilizzare una piattaforma italiana che possa essere integrata con Facebook attraverso l’utilizzo del Social Login. 

Tuttavia la promozione su Facebook di un concorso a premi è fondamentale per il suo successo, grazie all’indubbia capacità di poter targetizzare un pubblico molto preciso.

Vi consigliamo dunque di realizzare articoli sul proprio blog aziendale o sul proprio sito aziendale che possano poi essere condivisi sulla propria pagina Facebook e che possano essere poi promossi grazie ad un post sponsorizzato.

Vi consigliamo inoltre di creare degli Ads su Facebook che rimandino direttamente alla landing page del concorso, in cui citate chiaramente i premi in caso di vittoria e la modalità di partecipazione. Sarà poi vostra cura targetizzare correttamete gli ads in modo che andiate a cogliere gli utenti che hanno interessi affini a quelli del vostro brand.

 

Ottavo ed ultimo passo: analizzare i risultati

Scegliere correttamente gli obiettivi del concorso pone le basi anche per poter analizzare correttamente i risultati del concorso stesso. Se il vostro obiettivo era ottenere dei lead per operazioni di re-marketing la vostra analisi verterà sull’individuare il costo per lead.

Il costo del concorso su Facebook nella sua totalità (costi per i premi, la promozione, la gestione del concorso e i costi legali) dovrà essere diviso per il numero di lead ottenuti, e verificare quindi se questo costo è stato in linea con le previsioni, confrontandolo rispetto ad altri mezzi di marketing tradizionali.

 

Conclusioni

Realizzare un concorso su Facebook è possibile ed utile, a condizione di realizzarlo riflettendo sui passaggi che abbiamo analizzato in questo articolo, e soprattutto scegliendo una piattaforma italiana integrata con Facebook che vi consenta di sviluppare la viralità del concorso online ma anche di essere in regola con le leggi italiane.


Leevia è una piattaforma italiana che grazie ai propri servizi e all’esperienza maturata può aiutarvi e sostenervi in ognuno degli otto passi sopra citati, in modo da rendere il vostro prossimo concorso online un successo.

Scopri di più ▸