Le 4 cose da sapere quando si organizza un Facebook contest

 

I contest fotografici Facebook sono una buona opportunità per tutte quelle aziende che vogliono attivare o ri-attivare la propria community.

Nel dettaglio, se svolti seguendo determinate regole, i Facebook contest possono portare al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • Creazione di engagement sui social network;
  • Acquisizione di nuovi lead qualificati per l’azienda;
  • Incremento della notorietà del brand;
  • Miglioramento della brand reputation e del sentiment degli utenti.

Quando si crea un Facebook contest è bene sapere che ci sono alcuni step da seguire, onde evitare di incappare in sorprese spiacevoli come sanzioni e penalizzazioni.

Nel nostro articolo di oggi, andremo a vedere nel dettaglio come creare contest Facebook in maniera corretta, ovvero tutte quelle regole da seguire per far sì che esso funzioni e porti al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Le 4 semplici regole per organizzare un Facebook contest

Per l’organizzazione di contest fotografici su Facebook, ci sono 4 regole fondamentali da rispettare per far sì che esso funzioni al meglio:

  • Rispettare la legge italiana in materia di concorsi a premi;
  • Avvalersi di una piattaforma esterna sulla quale svolgere il photo contest Facebook;
  • Mettere in palio uno o più premi accattivanti;
  • Utilizzare i mezzi corretti di promozione.

1. La normativa italiana sui concorsi a premi

Per lanciare un concorso a premi che sia a norma di legge è necessario seguire i seguenti step:

  1. Scrivere un regolamento;
  2. Effettuare una comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico, dichiarando l’intenzione di creare un concorso a premi. Per farlo è necessario scaricare e compilare il modulo PREMA CO/1 e redigere il Regolamento del contest. Entrambi dovranno essere inviati, tramite il portale www.impresa.gov.it, almeno 15 giorni prima dell’inizio del concorso;
  3. Versamento di una cauzione che sarà pari al valore netto dei premi in palio. Essa verrà restituita entro 180 giorni dalla trasmissione del Verbale dei vincitori;
  4. Contattare un notaio o un funzionario della Camera di Commercio di competenza. La figura scelta sarà necessaria per la redazione dei verbali di chiusura del concorso a premi lanciato.

Ovviamente, la normativa italiana è applicabile solo nel momento in cui ci sono in palio dei premi di valore. Qualora il premio in palio fosse simbolico, come l’utilizzo della fotografia vincente come immagine di copertina del brand (pratica utilizzata in alcuni concorsi Starbucks), non c’è alcuna necessità di applicare gli step sopra indicati.

Per approfondire tutti gli step normativi da seguire per creare un Facebook contest, o un concorso a premi sui social network in generale, vi consigliamo di leggere il nostro precedente articolo: “Guida completa alla normativa per la creazione di un contest online“.

2. Avvalersi di una piattaforma esterna

Facebook, quando si parla di concorsi a premi, vieta nelle sue linee guida azioni come il tag per la partecipazione degli utenti o lo share obbligatorio, sia sulla propria timeline che su quella di un altro utente. Nella pratica, non si può richiedere ai potenziali partecipanti di compiere un’azione diversa dal like (o reaction) sulla foto per aver accesso al concorso.

Un altro motivo per il quale è necessario l’appoggio su una piattaforma esterna è che per la normativa italiana i server di raccolta dati devono essere posizionati su suolo italiano, oppure, se su territorio estero, essi dovranno essere trasmessi in tempo reale tramite un sistema chiamato mirroring.

3. Premio accattivante per i partecipanti

Una regola d’oro per far sì che un contest foto Facebook funzioni è quella di mettere in palio uno o più premi che siano incentivanti per i potenziali partecipanti.

Poiché tra gli obiettivi che si possono raggiungere con la creazione di un concorso a premi online c’è quello di acquisire nuovi lead qualificati per la propria azienda, è necessario utilizzare dei prodotti o servizi che siano inerenti alla tipologia di business.

Facciamo un esempio: se siete i titolari di un’agenzia viaggi e create un Facebook contest, non avrebbe senso mettere in palio un iPhone ultimo modello. Potreste aggrapparvi all’idea che sia utile per degli scatti da sogno durante le vacanze dei partecipanti, ma comunque suonerebbe forzato e rischiereste di non otterreste lead qualificati.

I partecipanti sarebbero interessati solo alla vincita dell’iPhone e potrebbero non essere interessati ai pacchetti viaggio proprosti dall’agenzia: andreste quindi a creare engagement in una community non più verticale, che probabilmente smetterà di seguire l’azienda al termine del contest.

Tenendo sempre come esempio l’agenzia viaggi di cui sopra, sarebbe molto più idoneo che mettesse in palio dei viaggi, di modo che i vincitori ed i partecipanti possano collegare il business al premio con molta più facilità. Queste associazioni sono utili in fase di acquisto: si tende a dare più fiducia a quello che ci ispira sensazioni positive, andando poi a giustificare la scelta con motivazioni più razionali.

4. Promuovere un Facebook contest

Se avete fissato degli obiettivi, avete fatto tutto a norma di legge e avete scelto dei premi accattivanti ed inerenti al business, ora non resta che lanciare e promuovere il concorso fotografico Facebook.

Le condivisioni in organico sono molto importanti ma, a seguito del cambio di algoritmo avvenuto nell’estate 2016, sappiamo che la reach per le pagine si è abbassata notevolmente, lasciando maggiore spazio nel feed alle notizie di amici e parenti.

A questo punto, per promuovere in maniera corretta un concorso a premi, è necessario investire una parte del budget per la creazione di ADV accattivanti ed in linea con il target di riferimento che si vuole raggiungere.

È necessario delineare dei profili-tipo che potrebbero essere potenzialmente interessati a partecipare.

Ritornando all’agenzia viaggi, sicuramente dovrà essere effettuata una targetizzazione specifica relativa alle sole persone che amano viaggiare.

Conclusioni

Organizzare un Facebook contest non è impossibile. È solo necessario comprendere i corretti step da seguire ed affidarsi a professionisti che siano in grado di aiutarvi in tutta la durata del contest.

Ricordiamo che l’organizzazione di concorsi a premi sui social network può essere molto utile in una digital strategy, sia per migliorare la brand reputation, sia per acquisire nuovi lead qualificati. Gli stessi contatti ottenuti dalla partecipazione si possono utilizzare per successive campagne di email marketing basate su promozioni e buoni sconto come ringraziamento per aver partecipato al concorso.

Leevia è la prima piattaforma italiana che può aiutarti e sostenerti in ognuno dei 4 passi sopra citati e rendere il tuo prossimo Contest Online un sicuro successo.

Scopri di più ▸

Potrebbe interessarti anche: