Condividi

Rimediare ai propri errori con ironia ti può far “vincere”, mentre rispondere male ti fa “perdere”, facile no?

 

Non sempre è così semplice, e non sempre è scontato sapere come reagire ad un errore di comunicazione sui social, per questo è utile leggersi un po’ di esempi di Fail e Win del mese.

Asos vince rimediando ad un errore con ironia

Quante volte abbiamo detto che non è importante non sbagliare, ma piuttosto saper gestire i propri errori? Soprattutto online infatti è fondamentale sapere come limitare i danni, in casi di problematiche serie, oppure di come girare a proprio fare un piccolo sbaglio compiuto. Asos ha dimostrato in pieno questo assunto questo mese:

smm win fail marzo asos

Quello che era un errore che poteva costare caro (ri-stampare tutte le borse con “online” scritto sbagliato) o generare imbarazzo, è stato utilizzato invece per creare simpatia ed engagement sui profili social del brand.

Facebook perde Elon Musk e Playboy

Quello che è stato il caso di FAIL più clamoroso del mese (dell’anno e probabilmente del decennio) è senz’altro il “CambridgeAnalyticaGate”, che ha messo nei guai seri Facebook e che ha scoperchiato un vaso di Pandora che per Mark Zuckerberg sarà difficilmente richiudibile. I dati degli utenti che sono stati concessi agli sviluppatori di terze parti fino al 2014 infatti ormai sono là fuori, scambiati fra società che li utilizzeranno senza alcuna regolamentazione. A seguito della bufera che si è sollevata numerosi sono stati gli utenti che si sono cancellati dal social e che hanno lanciato la campagna #DeleteFAcebook (e fra questi anche l’ex proprietario di WhatsApp) e fra questi due sono stati i casi di particolare rilievo. Elon Musk, spinto da un utente su Twitter ha immediatamente provveduto a cancellare le Pagine Facebook di Tesla e SpaceX (nella suo solito modo un po’ “bullo”):

smm fail win marzo te2

smm fail win marzo te1

Ma Elon non è stato il solo a pensare che #DeleteFacebook non fosse solo una boutade di qualche utente su Twitter, infatti è arrivata anche la decisione di Playboy, che ha comunicato lo scorso 28 marzo di aver sospeso tutte le Pagine del famoso brand dalla piattaforma. Le Pagine del gruppo totalizzavano più di 25 milioni di fan. È da notare, comunque, che tutte queste società sono ancora presenti un un altro social del gruppo: Instagram.

Apple rilascia ads su Youtube: WIN e FAIL

Come dicevamo, tutti possono sbagliare, ma alcuni sbagli di alcune aziende sono ancora più visibili, proprio perché sono molto rari. Apple è una di queste aziende, famosa per i suoi spot sempre molto creativi, pensati da qualche anno soprattutto per una fruizione sui social e in particolare su Youtube. Due in particolare hanno attirato l’attenzione dei media e degli utenti. Il FAIL riguarda uno spot in cui è stato filmato, per sbaglio, un bug di iOS 11:

smm win fail marzo apple

Apple si è quindi corretta ed è riuscita a cambiare il video (senza perdere le visualizzazioni peraltro) con una versione in cui il bug è stato “risolto” (dal video, non dal sistema operativo, dove il bug c’è ancora).

Il WIN invece riguarda lo spot realizzato da Spike Jonze per promuovere il nuovo prodotto: l’HomePod.

Il video ha già avuto più di 8 milioni di visualizzazioni, ed ha ottenuto un ottimo riscontro sui social.

Il Buondì fa uscire il suo ultimo video della serie dell’asteriode

Buondì termina il suo “ciclo dell’asteroide” con il video più lungo e complesso della saga, generando immediatamente molti consensi e ottimi numeri:


2 milioni di visualizzazioni, più di 15.000 condivisioni, 27.000 reazioni al video. Numeri che decretano il successo di una iniziativa comunicativa che ha generato una nuova awareness verso un prodotto un po’ “vecchio”, e mantenendo comunque uno stile chiaro e definito, anche nei momenti un cui sarebbe stato più facile tornare indietro, ad un tipo di advertising più rassicurante.

Social Media Manager che hanno bisogno di una vacanza: Burgez

Sempre a proposito del mantenere la calma nel contesto dei Social Media: il social media manager di Burgez non la prende bene di fronte ad una critica che evidentemente non ritiene corretta:

smm win fail marzo burgez

Nike festeggia le donne con Serena Williams

Chiudiamo la nostra carrellata mensile con un video per la Festa della Donna: diversi brand hanno scelto di festeggiare la ricorrenza in modo più o meno tradizionale, cambiando per un giorno il logo (come per esempio KFC) o semplicemente postando i soliti auguri con la presenza del brand inserito in qualche modo. La nostra preferenza va a Nike, che riesce a dire qualcosa di non scontato, grazie ad una testimonial dei suoi prodotti: Serena Williams.

E non dite che è facile se puoi avere Serena Williams per un tuo spot, perché no, non lo è.


Se hai trovato questo articolo interessante, iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla Newsletter ▸

Potrebbe interessarti anche:


Riassunto
Social Media marketing di marzo: i Fail ed i Win
Titolo Articolo
Social Media marketing di marzo: i Fail ed i Win
Descrizione
Anche Apple può imbattersi in un FAIL, Buondì conclude la "saga dell'asteriode" con l'episodio migliore della serie, Facebook inizia a perdere pazzi (cioè brand che abbandonano la piattaforma) e altro ancora
Autore
Editore
Leevia
Logo Editore
Condividi